Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ť su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
 
Pirandellog di Diomede
il blog su libri, tendenze letterarie e dintorni


Mag
26
2010

Recensione: "Antracite" di Valerio Evangelisti


Antracite è un libro complesso. La tematica dell'industrializzazione americana non è nuova, ma Valerio Evangelisti la mette sotto un altro punto di vista, molto particolare, quello del palero e pistolero Pantera, una sorta di stregone mercenario, prezzolato e individualista. Ma irrimediabilmente "buono" e dalla parte dei più deboli. Nelle sue contraddizioni, forse l'unico personaggio positivo fra quelli creati dall'autore.
 
La trama è articolata, a volte troppo, e rischia di perdersi in alcuni punti se non la si segue passo dopo passo. Il finale è lasciato aperto ma non soddisfa appieno dopo la "lunga cavalcata" che il protagonista compie dall'inizio alla fine, imbattendosi in utopisti, capitalisti o clan di emigrati irlandesi che fanno quadrato per proteggere i propri membri.
 
Uno spaccato in cui nessuno è vinto e nessuno è vincitore, tanto meno Pantera che, sebbene cerchi di dominare gli eventi, è spesso nell'occhio del ciclone. Forse lo scopo di Evangelisti era proprio quella di trasmettere la sensazione di sballottamento e della mancanza di una qualsivoglia linearità, fra l'altro avvisata dallo stesso protagonista.
 
Un libro per chi ama il West, ma quello sporco.
 
B.M.


I commenti dei lettori | Scrivi un commento

Inviato da Carlo da Ficarra il 01/06/2010 21:10
Letto e lo rileggerei mille volte
Questo è il west alla zio clint e lo poteva scrivere solo un'italiano, grande evangelisti

comments powered by Disqus
ÔĽŅ