Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia

Palermo: fabbrica d'armi con poligono di tiro nel sotterraneo di una villa, tre arresti

 
La Polizia ha scoperto un arsenale di armi sotterrato nel terreno di una villa nel rione Ciaculli di Palermo e ha arrestato tre persone, componenti dello stesso nucleo familiare.
 
Sono il padre, lavoratore ex Piano di inserimento programmato (Pip) che lavorava in una chiesa, la moglie e il figlio. Si chiamano Antonino Adelfio di 49 anni, la moglie Giovanna Li Causi anche lei 49 anni, e il figlio Gaetano Adelfio, 26 anni.
 
Nell'abitazione sono stati trovati alcuni locali adibiti a laboratorio per la produzione e la modifica di pistole e fucili. Le indagini, coordinate dalla Procura, sono stati condotte da agenti del commissariato Zisa che avevano notato la presenza nella villa di un uomo che aveva precedenti per armi e droga.
 
Nel corso della perquisizione sono stati trovati anche numerosi proiettili e un poligono rudimentale per testare pistole e fucili, alcuni dotati di silenziatore.
 
"Siamo rimasti stupiti per aver trovato una fabbrica d'armi in piena attività: una decina dopo le modifiche sarebbero state pronte a sparare" ha commentato il capo della Squadra Mobile, Rodolfo Ruperti che ha condotto le indagini per ritrovare l'arsenale di armi in una ville di Ciaculli a Palermo.
 
"La perquisizione - ha aggiunto - è andata avanti per diverse ore, sono state impiegate decine di uomini e ci siamo avvalsi di metal detector e di cani antiesplosivo, perché l'area dell'intervento era estesa e le armi erano nascoste in diversi doppio fondo o dentro di botole interrare, in tubi e dentro camini.
 
"L'indagine - ha concluso - è in pieno svolgimento e si vedrà se queste armi hanno sparato".
 
 "Nel momento in cui parliamo di una mafia militare in difficoltà, ovviamente tutte le attività poste ad analizzare le eventuale ripresa di contatti tra mandamenti diversi, rappresentano un successo. Quello di oggi ha infatti portato alla scoperta di un laboratorio di armi con l'obiettivo di prevenire e frenare sul nascere ogni tentativo di ripresa anche armato dell'organizzazione".
 
Lo ha detto il questore di Palermo Renato Cortese commentando il ritrovamento dell'arsenale di armi nella villa di Ciaculli.
 
"Questo non significa - ha aggiunto il Questore - che tutte le armi le abbiamo tolte dal territorio. Scovare un arsenale del genere e soprattutto un laboratorio in grado di modificare le armi e renderle da innocue a micidiali dà grande soddisfazione perché significa che i nostri ragazzi hanno un controllo del territorio capillare e l'ipotesi su cui stiamo proseguendo le indagini è che queste armi potessero essere utilizzate dai mandamenti. Un armamentario del genere, un laboratorio di questa portata non è certo roba da piccoli spacciatori o rapinatori, ma è a supporto di famiglie mafiose del territorio che hanno necessità di appropriarsi delle armi. Certo si può farle arrivare da fuori, ma se si è in crisi economica ci si puoi adattare a trasformarle".
 
"Antonino Adelfio, uno dei tre arrestati - ha concluso il questore di Palermo - non è un soggetto di primissimo spessore, ma sicuramente un abile artigiano su cui bisogna indagare per approfondire meglio i legami con l'organizzazione e chi gli ha dato questo incarico".
12 ottobre 2018
News
Sicilia 24 ore
Dall'Italia
Il mondo con un click

Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Giustizia
Lavoro
Politica
Sanità
Sindacati
Società
Sport
Trasporti
Turismo
Università