Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia ´┐Ż su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

A 367 imprese centosettanta milioni

Il presidente Musumeci, "Messe a disposizione delle aziende risorse fondamentali per avviare le proprie attività o per migliorare l'aumento della capacità produttiva e il loro posizionamento strategico sul territorio"



Centosettanta milioni di euro a favore di 367 imprese siciliane.
 
È l'ammontare dei finanziamenti concessi dalla Regione e i cui decreti sono stati registrati dalla Corte dei conti in questi giorni. Si tratta di risorse relative al PO Fesr 2014/2020, gestite dall'assessorato alle Attività produttive.
 
In particolare, i progetti riguardano sia nuove iniziative imprenditoriali (circa cento milioni di euro), sia aziende già esistenti (settanta milioni di euro).
 
Lo dice la presidenza della Regione siciliana.
 
"In pochi mesi - ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci - abbiamo fatto quello che non si era fatto in tanti anni. Abbiamo messo a disposizione delle imprese risorse fondamentali per avviare le proprie attività o per migliorare l'aumento della capacità produttiva e il loro posizionamento strategico sul territorio.
 
"Siamo convinti - ha aggiunto - che solo attraverso il rilancio delle aziende ci possa essere un futuro per i nostri giovani. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo, è l'impresa l'unica vera fonte di ricchezza, non il denaro pubblico. È l'azienda quella che crea occupazione, produzione, quindi crescita, quindi sviluppo".
 
"Molteplici - si legge ancora nella nota - le categorie merceologiche interessate: dall'estrazione di minerali da cave e miniere alle attività manifatturiere, dalla fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata, acqua, reti fognarie, gestione dei rifiuti e risanamento alle costruzioni; dal commercio all'ingrosso e al dettaglio alla riparazione di autoveicoli e motocicli; dal trasporto e magazzinaggio alle attività dei servizi di alloggio e ristorazione; dai servizi di informazione e comunicazione alle attività professionali, scientifiche e tecniche; dalle agenzie di viaggio ai servizi di supporto alle imprese; e ancora sanità e assistenza sociale".
 
 
"Le piccole e medie imprese - ha aggiunto l'assessore alle Attività produttive Mimmo Turano - sono il cuore della Sicilia che produce e per questo abbiamo puntato, in termini di risorse e di lavoro, sulle misure che hanno riscontrato il maggior successo tra loro. Rinvigorire il nostro tessuto economico però non basta, abbiamo bisogno di fare di più in termini di competizione e per questo a breve metteremo in campo altre misure sull'innovazione e l'Internazionalizzazione".

Articolo pubblicato il 04 dicembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐