Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Bohemian Rhapsody

di Francesco Torre

La musica la fa da padrona, sempre e comunque, e il racconto è strutturato in modo tale da non disturbare il concerto



BOHEMIAN RHAPSODY
Regia di Bryan Singer, con Rami Malek (Freddy Mercury), Gwilym Lee (Brian May), Ben Hardy (Roger Taylor).
Gb/Usa 2018, 134’.
Distribuzione: 20th Century Fox
 
Si scrive Brian Synger, si legge Dexter Fletcher. Benché l’autore de “I soliti sospetti” e della saga di “X-Men” sia accreditato sui titoli di testa e coda come regista, pure la produzione l’ha licenziato in corso di riprese e a dir la verità alcune sequenze del film sembrano dirette da nessuno. Sorte più o meno analoga per l’interprete principale, che doveva essere Sacha Baron Cohen e infine è Rami Malek, o meglio Rami Malek più una dentiera smaccatamente fasulla. Concentrarsi su ciò che il film poteva essere, però, è un esercizio di masochismo cinematografico, per cui tanto vale godersi il lavoro finale per quello che è: un’agiografia musicale.
 
I pezzi importanti ci sono tutti. La musica la fa da padrona, sempre e comunque, e il racconto è strutturato in modo tale da non disturbare il concerto. La necessità di dover agganciare commercialmente un pubblico giovanissimo, poi, ha avuto come conseguenza l’autocensura sui temi sessuali. Cosa rimane di Freddy Mercury e della sua parabola da stella del rock? Un frettoloso excursus nella giovinezza, l’intraprendenza e la passione che lo portano a metter su la band, le iconiche esibizioni live, tra cui quella mitica di Wembley 1985 con cui il film inizia.
 
La sceneggiatura decide poi di offrire anche un ampio spaccato della malattia, ma pur sempre all’interno di dialoghi ultraconvenzionali che trasudano finzione e sanno quasi di parodia.
 
Detto ciò, il pubblico – va detto – sembra essere letteralmente in delirio. E questo, forse, in un’ideale competizione tra musica e cinema, segna la vittoria a mani basse della prima nei confronti del secondo.
 
Voto: ☺☺☻☻☻

Articolo pubblicato il 06 dicembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus