Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Emergenza neve, Musumeci contro l'Anas

Botta e risposta tra il Governatore ("Non c'è l'organizzazione per poter evitare i disagi, compreremo spazzaneve") e l'Ente nazionale per le strade ("Sorpresi, in strada 58 mezzi e 150 uomini"). Sparse mille tonnellate di sale



"Prendiamo atto che l'emergenza neve ė diventata una super emergenza".
 
Parte da questa frase la polemica tra il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci e l'Anas.
 
"Abbiamo capito - ha detto il Governatore - che non c'è l'organizzazione per poter evitare i disagi. Apprezzo lo sforzo di alcuni sindaci che hanno fatto ricorso ai volontari e a mezzi privati, ma onestamente quello che emerge ė che non siamo pronti a gestire un'abbondante nevicata e questo ė pericoloso".
 
"Verificheremo - ha proseguito - perchė l'Anas non ha messo in funzione gli spazzaneve in dotazione in Sicilia. Mi pare che sull'Etna siano dovuti arrivare i mezzi dalla Calabria".
 
"Con la Protezione Civile nazionale - ha concluso - stiamo valutando l'acquisto di una decina di mezzi spazzaneve e spargisale da dare in dotazione alle province che nel loro territorio hanno aree montane suscettibili di nevicate. E' impossibile che per dieci centimetri di neve si fermi tutto. Nel nord Italia questo fa sorridere. Dobbiamo attrezzarci".
 
La replica dell'Anas non si è fatta attendere.
 
"Apprendiamo con sorpresa - hanno scritto in una nota i responsabili dell'Ente - delle dichiarazioni del presidente della Regione, secondo il quale l'Anas, durante l'eccezionale ondata di maltempo che ha colpito la Sicilia durante la scorsa settimana, non avrebbe messo in azione gli spazzaneve e spargisale in dotazione. Abbiamo affrontato tale emergenza operando, sin dal 2 gennaio, con mezzi spargisale al fine di prevenire la formazione di ghiaccio e successivamente, sulle strade già colpite dalle nevicate in atto, con mezzi spazzaneve".
 
"I mezzi messi in strada, tra spazzaneve e spargisale - continua la nota - sono stati 58, gli uomini di Anas coinvolti circa 150. Per avere un'idea dell'eccezionalità dell'evento, sono state oltre mille le tonnellate di sale utilizzate durante quella settimana, pari ad oltre due terzi della quantità solitamente utilizzata da Anas in Sicilia durante una intera stagione invernale".
 
"Ciononostante - ha sottolineato l'Anas - la viabilità è stata garantita pressoché ovunque sulla rete, e gli unici rallentamenti e brevi blocchi temporanei sono stati dovuti esclusivamente ad incidenti causati da mezzi sprovvisti di catene da neve o pneumatici invernali, persino nei tratti di strade e autostrade lungo i quali è in vigore l'obbligo. Inoltre, in stretta sinergia con Prefetture e Forze dell'ordine, è stato fornito supporto anche agli enti locali per garantire la transitabilità lungo diversi tratti stradali provinciali e comunali, quindi non di competenza Anas".
 
"Per quanto riguarda, infine, le attività nell'Etneo, - conclude la nota - su richiesta della Protezione Civile Regionale Anas ha ripristinato la viabilità locale, non di propria competenza, nei territori comunali di Zafferana Etnea, Linguaglossa, Biancavilla, Bronte e Nicolosi, già colpiti dagli eventi sismici del 26 dicembre".
 

Articolo pubblicato il 11 gennaio 2019 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus