Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia

Dirigenti scolastici concorso infinito

di Lucia Russo

Di rinvio in rinvio. Dal 23 novembre 2017 sono passati 15 mesi e ancora si attende la correzione della prova scritta



Di rinvio in rinvio. Dal 23 novembre 2017, data del Decreto direttoriale che ha indetto il Concorso per il reclutamento di 2.425 dirigenti scolastici, sono passati 15 mesi e ancora si attende la correzione della prova scritta. Questa è stata svolta in due date diverse, il 18 ottobre per tutti coloro che avevano superato le preselezioni e il 13 dicembre 2018 solo per i residenti in Sardegna e, insieme a loro, per i candidati ammessi con riserva a seguito di ricorsi. E così da questa disparità di trattamento a vantaggio di chi ha fatto la prova scritta con due mesi in più per prepararsi, sono nati altri ricorsi.
 
A fine dicembre sono state nominate le sottocommissioni esaminatrici, ma già si contano almeno sei decreti di sostituzione dei loro componenti. Ma perché non stabilire che chi ha fatto domanda per diventare commissario esaminatore, se appena nominato si dimette, non potrà più in futuro fare questa domanda? Ogni procedimento, infatti, per legge deve obbligatoriamente concludersi entro un certo termine, altrimenti viene meno per il cittadino il principio fondamentale della certezza del Diritto.
 
Cosa comportano questi continui rinvii del concorso per presidi? Tengono in sospeso i partecipanti al concorso e pregiudicano la possibilità che il prossimo anno scolastico 2019/20 possa iniziare con nuovi dirigenti alla guida degli Istituti scolastici italiani. Al momento i dirigenti in carica si trovano ad avere in reggenza uno o due istituti in più rispetto a quello di loro titolarità, con la conseguenza che l’autonomia scolastica è esercitata con difficoltà. È illusorio, infatti, pensare che si possa guidare bene un istituto di 1.500 alunni e almeno 140 insegnanti con sedi tra loro distanti, allo stesso modo di un Istituto con una sola sede e in proporzione un terzo di alunni e insegnanti.

Articolo pubblicato il 06 marzo 2019 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus