Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia

Danza e mistero vanno in scena al Libero

Tra bellezza e posture gotiche, omaggio alle coreografie di Charlotte Bara, danzatrice belga scomparsa nel 1987, da parte della regista Tiziana Arnaboldi



Sulla scena tre danzatrici disegnano nello spazio la magica forza creatrice di Charlotte Bara attraverso lo studio delle sue posture gotiche.
 
Sabato prossimo, 16 marzo, alle ore 21.15, la compagnia svizzera della regista Tiziana Arnaboldi porterà in scena al Teatro Libero "Danza e mistero".
 
Si tratta di un omaggio alla danzatrice belga, morta nel 1987.
 
Sul palco Eleonora Chiocchini, Marta Ciappina e Francesca Zaccaria.
 
Il fil rouge, tra la Arnaboldi e la famosa danzatrice passa attraverso il luogo e lo spazio di concezione della sua danza che qui si fa omaggio.
 
"Lo spettacolo unisce la bellezza al mistero del gesto e della poesia - ha spiegato la Arnaboldi - Elementi forti che mi hanno stimolata a creare movimenti di mani, braccia e sguardi, grazie all'osservazione di alcune fotografie di Charlotte custodite nell'archivio del museo comunale di Ascona, unica testimonianza visiva arrivata a noi".
 
Le tre performer intraprendono così un dialogo con il gesto della danzatrice, lo esaltano, lo frazionano, ne studiano i nessi e i sensi, trasponendolo in una partitura contemporanea, dove le musiche - Bach, Saint-Saëns, e rielaborazioni sonore di Casappa - scandiscono un viaggio nella sacralità che nasce dal buio, attraversa la gestualità del corpo, oltrepassa la luce fino ad arrivare a un gioco finale con la morte.
 
 

Articolo pubblicato il 13 marzo 2019 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus