Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia

"Etna Patrimonio Unesco" di Parrinello a Catania

Ospitata nel quarto livello del Museo civico del Castello Ursino sarà aperta da oggi fino al prossimo 31 marzo. Un entusiasmante viaggio per immagini "nel più grande laboratorio naturalistico del mondo"



Sarà aperta da oggi fino al prossimo 31 marzo nel quarto livello del Museo civico del Castello Ursino a Catania la mostra fotografica "Etna Patrimonio Unesco" di Antonio Parrinello, inserita nel programma della rassegna "Etna 1669, Storie di Lava"
 
Si tratta di un omaggio a quel vulcano Etna che a Phnom Penh, in Cambogia, il 21 giugno del 2013, venne inserito nella World Heritage List.
 
Parrinello, catanese, 54 anni, da trent'anni fotografo professionista, ha raccontato la Sicilia - e non solo - con le sue immagini, pubblicate su giornali e riviste italiane ed estere.
 
Le 28 foto esposte nel Castello Ursino raccontano un'emozionante viaggio alla scoperta dell'Etna, che domina la Sicilia orientale ed è cinque vulcani in uno. Una struttura estremamente complessa che lo storico presidente del Wwf Fulco Pratesi definì "il più grande laboratorio naturalistico del mondo".
 
Sarà un viaggio per immagini fra i paesaggi lunari, il verde dei boschi centenari, le nevi in quota e le evoluzioni pirotecniche del vulcano più alto d'Europa.
 
Un percorso che avvicina lo spettatore alla natura primordiale del pianeta e ai suoi quattro elementi: fuoco e roccia liquida, terra, ghiaccio, vento.
 
Accanto, testimoni della straordinaria e spettacolare – anche nella sua violenza – natura del vulcano, gli uomini che convivono con questa prepotente e suggestiva realtà: vulcanologi, geologi, guide del soccorso alpino, volontari della protezione civile.
 
"Un pensiero a questa montagna - ha detto Antonio Parrinello - che mi ha insegnato ad ascoltare i suoi silenzi, i suoi rumori, a percepire gli odori, a osservare i colori. Sensazioni a cui non voglio mai rinunciare, che mi continuano a emozionare. Nasce da qui il desiderio di racchiuderli in questo racconto fotografico e poterli condividere. E' una gran soddisfazione per i siciliani, in generale dovrebbe esserlo per tutti gli italiani, che l'Etna sia stata reputata Patrimonio dell’Umanità".
 
La mostra ha il patrocinio della Presidenza della Regione Siciliana, dell'Assessorato Regionale Beni Culturali e Identità Siciliana e dell'Assessorato Regionale del Turismo Sport e Spettacolo.

Articolo pubblicato il 14 marzo 2019 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus