Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia

Captain Marvel

di Francesco Torre

La prima eroina in solitaria dell’universo Marvel ci fa viaggiare nel tempo e nello spazio alla ricerca di un’identità perduta



CAPTAIN MARVEL
Regia di Anna Boden e Ryan Fleck, con Brie Larson (Carol Danvers/Captain Marvel), Samuel L. Jackson (Nick Fury), Ben Mendelsohn (Talos).
Usa 2019, 124’.
Distribuzione: Walt Disney
 
La prima eroina in solitaria dell’universo Marvel ci fa viaggiare nel tempo e nello spazio alla ricerca di un’identità perduta, ma soprattutto di nessi logici in una sceneggiatura che non si preoccupa più di tanto di fornire spiegazioni.
 
Captain Marvel del titolo è una combattente dell’impero galattico dei Kree, la quale viene catturata dagli Skrull, e questi le esaminano la mente facendo riaffiorare i ricordi di una vita precedente sulla Terra. Comincia così l’avventura di Carol Danvers, pilota collaudatrice nella Los Angeles degli anni Novanta.
 
Brie Larson è sicuramente e di gran lunga l’elemento di maggiore interesse di un film che tra citazionismo, buonismi vari e un numero così elevato di ambientazioni da rendere difficile la comprensione dell’insieme punta a divertire schiacciando l’occhio anche al pubblico più emancipato. L’attrice, infatti, conduce il proprio personaggio oltre i confini dell’archetipo, gioca in maniera ironica e autoironica senza dimenticare che i superpoteri vanno messi in mostra in maniera energica e sorprendente.
 
Stessa verve non si può dire della regia, di Anna Boden (prima donna regista dei film tratti dai fumetti Marvel, per dire dell’aria di femminismo che trasuda da questo progetto) e Ryan Flexk, che nel consueto ritmo serratissimo del montaggio non riesce a definire un peculiare stile visivo, rimediando con il repertorio più convenzionale del cinecomic.
 
Per i nostalgici degli anni Novanta, però, il film è pieno di riferimenti non sempre banali, che per un attimo riescono a far dimenticare l’assurdo incipit fantascientifico.
 
Voto: ☺☺☻☻☻

Articolo pubblicato il 14 marzo 2019 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus