Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia

Inchiesta della Procura di Ragusa sui box del mercato

Cinque dirigenti e funzionari comunali indagati. Perquisizioni in Municipio. . Intanto il Tar ha respinto la richiesta di sospensiva del bando di assegnazione indetto dalla Commissione straordinaria del Comune, retto da un commissario straordinario



Cinque tra dirigenti e funzionari del comune di Vittoria sono indagati nell'ambito dell'inchiesta aperta dalla Procura di Ragusa sull'assegnazione dei bos del mercato ortofrutticolo.
 
Si tratta di persone che si sono alternate alla direzione della struttura mercatale nel periodo delle sindacature Nicosia e Moscato fino all'insediamento della Commissione straordinaria.
 
L'inchiesta parte da una denuncia del coordinatore del movimento "Sorgi Vittoria", Cesare Campailla, che la scorsa settimana aveva denunciato la sparizione di alcuni documenti relativi a un bando di gara per individuare nuovi concessionari nella struttura mercatale.
 
Il procuratore della Repubblica di Ragusa Fabio D'Anna ha disposto un decreto di sequestro di atti e documenti nella direzione mercati del comune di Vittoria eseguito da personale della Squadra mobile di Ragusa e del commissariato di Vittoria.
 
Attualmente il Comune di Vittoria, sciolto per mafia il 27 luglio del 2018, è commissariato.
 
Intanto proprio oggi la terza sezione del Tar di Catania ha respinto l'istanza cautelare proposta dai commissionari ortofrutticoli di Vittoria che chiedevano l'annullamento, previa sospensiva, degli atti con i quali la Commissione straordinaria del Comune ha indetto il bando di assegnazione dei 74 box del mercato di Vittoria.
 
Lo ha reso noto il Commissario straordinario del Comune di Vittoria Filippo Dispenza.
 
"La decisione del Tar - ha detto il Commissario - appare un ulteriore sigillo di legittimità alla nostra azione amministrativa. Sul mercato ortofrutticolo abbiamo adottato la massima trasparenza, stipulando un protocollo di azione con l'Anac, che, con il suo presidente, Raffaele Cantone, ha svolto un'attività di vigilanza preventiva, volta a supportare il Comune nella predisposizione degli atti di gara e a monitorare lo svolgimento dell'intera procedura".
 
In seguito alla stipula del protocollo, la Commissione ha trasmesso all'Anac, prima della loro adozione,la determina a contrarre, il bando di gara e il contratto di concessione".
 

Articolo pubblicato il 14 marzo 2019 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus