Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia



VI Settimana della cultura, Palermo si riempie di eventi

di Redazione

L'edizione 2017 durerà inoltre ben due settimane, dal 12 al 23 maggio



PALERMO - Palermo, la Sicilia e non solo nella sesta edizione della Settimana delle Culture, che quest’anno ha una forte connotazione internazionale, con numerosi eventi provenienti, non soltanto da varie parti d’Italia, ma da tutto il mondo: Giappone, Medio Oriente, Marocco, Ghana, Afghanistan, Olanda, Austria, Inghilterra, Sudan, Bulgaria. Per una manifestazione ricca di suggestioni che parlano le lingue di tutto il pianeta, in una perfetta sintesi che fa di Palermo un ideale ponte fra le molte culture che si confrontano e si arricchiscono vicendevolmente. E attenzione particolare ai diversamente abili e ai ragazzi, con diversi eventi loro dedicati.

Nell’edizione 2017 c’è, inoltre, una novità di rilievo: la “Settimana” durerà due settimane: dal 12 al 23 maggio, con una ricca anteprima già l’11 maggio. E questo, perché quest’anno, la città ha risposto con un forte entusiasmo: musei, teatri, band musicali, artisti, compagnie teatrali, associazioni sono al lavoro per dar vita alle tantissime iniziative in calendario, tutte autoprodotte dai singoli organizzatori e dislocate in diversi quartieri della città, dal centro storico alle periferie.

L’altra novità è il record assoluto di eventi culturali: quest’anno in cartellone ce ne sono ben 235, 52 in più rispetto alla scorsa edizione, quando ve ne furono 183. In programma mostre, concerti, spettacoli teatrali, passeggiate culturali, conferenze, presentazioni di libri, laboratori per bambini e molto altro, per una grande festa della cultura. Ancora una volta, protagonista sarà Palermo, i suoi luoghi, alcuni molto conosciuti, altri meno noti. Fra questi, c’è ad esempio il Castello di Maredolce, luogo-simbolo di una città dagli antichi splendori, che intende guardare al futuro non tralasciando la propria storia. Uno spazio di rilievo è, poi, quello dei Cantieri culturali alla Zisa, dove si terranno numerose iniziative in diversi padiglioni e nelle “botteghe”.

Promossa dall’associazione Settimana delle Culture, presieduta da Gabriella lEDRenier Filippone, la Settimana è resa possibile grazie al lavoro di un comitato volontario e a titolo gratuito, composto da Gaetano Basile (tradizioni popolari, gastronomia, cibo da strada), Fosca Miceli (arte, in collaborazione con la professoressa Anna Maria Ruta), Clara Monroy (rapporti istituzionali),  Massimiliano Marafon Pecoraro (rapporti con l’Università, Liberty), Maria Antonietta Spadaro (fotografia), Bernardo Tortorici di Raffadali (coordinamento dei progetti e oratori), Salvo Viola (coordinamento generale). Una manifestazione, organizzata grazie alla collaborazione con il Comune di Palermo, con l’assessorato regionale ai Beni culturali e all’identità siciliana, con la ex Provincia regionale di Palermo, con l’Università degli Studi e con molti partner privati.

Anche quest’anno, inoltre, il prestigio della “Settimana delle culture” è stato riconosciuto - come nella scorsa edizione - dal Capo dello Stato Sergio Mattarella, che, quale premio di rappresentanza, ha donato una medaglia alla sesta edizione della manifestazione. Nella lettera allegata, fatta pervenire dal Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica a Gabriella Renier Filippone, il Capo dello Stato ha anche fatto giungere l’augurio per il successo dell’iniziativa.

I luoghi
Questi i luoghi della Settimana: Aeroporto Falcone - Borsellino, Agricantus, Archivio studio Fernandez, Archivio storico comunale, Associazione Bobez, Associazione Elementi, Associazione Italia Nostra, Biblioteca comunale Casa Professa, Biblioteca Francescana, Biblioteca dei Bambini e dei Ragazzi, Cantieri culturali alla Zisa, Cantunera fucina culturale, Cappella delle Dame, Cappella dell’Inconorazione, Casa Natura, Casa Professa, Castello di Maredolce, Castello di Trabia, Catacomba di Porta d’Ossuna, Catacomba di San Michele Arcangelo, Catacomba di Villagrazia di Carini, Chiesa del Piliere, Chiesa di San Francesco Saverio, Chiesa di San Domenico, Chiesa di San Giorgio dei Genovesi, Chiesa di San Mattia (Ex Noviziato dei Crociferi), Chiesa Santissimo Salvatore, Chiesa di San Giuseppe dei Teatini, Chiesa di Santa Maria della Pietà alla Kalsa, Spasimo, Cimitero Acattolico degli Inglesi, Cinema Rouge et Noir, Cineteatro Lux, Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, Cabaret Convento, Emergency, Ex Fabbriche Sandron, Fonderia Oretea, Ex Real Fonderia alla Cala, Forme d’Arte isola di cibo e cultura, Galleria Athena, Galleria d’Arte Moderna GAM, Garzilli 26 residenza d’artista, Istituto Alberghiero Pietro Piazza, Istituto Gonzaga, Istituto comprensorio statale Giovanni XXIII Piazzi, Istituto dei Ciechi, Istituto Padre Messina, L’altro arte contemporanea, Libreria del Corso, Libreria Mondadori, Libreria Macaione, Museo del Vino, Magneti Cowork, Mercato del Capo, Mercato della Vucciria, Mercato San Lorenzo, Museo Diocesano, Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, Museo Riso, Oratorio dell’Immacolatella, Oratorio di San Giovanni Decollato, Oratorio di San Lorenzo, Oratorio di San Mercurio, Oratorio di Santa Cita, Orto Botanico, Palazzo Abatellis, Palazzo Branciforte, Palazzo Chiaramonte (Steri), Palazzo delle Aquile, Palazzo Palagonia, Palazzo Reale, Palazzo Sant’Elia, Palazzo Ziino, Palazzo Zingone Trabia, Piazza Pretoria, Piazza Rivoluzione, Piazza Sant’Anna, Piazza San Domenico, Piazza Vittoria, Quarto Tempo, Quattro Canti, Ridotto dello Spasimo Brass, Rifugio antiaereo piazza Pretoria, Real Albergo dei Poveri, Real Teatro Santa Cecilia, Società Siciliana per la Storia Patria, Sorgente del Gabriele, Teatro Brancaccio, Teatro Ditirammu, Teatro Massimo, Teatro di Verdura, Teatro Mediterraneo Occupato Tmo, Università degli Studi, Villa Gravina, Villa Niscemi.

Articolo pubblicato il 11 maggio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐