Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia



King Arthur - Il potere della spada

di Francesco Torre

Il regista Guy Ritchie dopo aver trasformato in chiave cool il mito Sherlock Holmes, ripropone la stessa miscela esplosiva per un altro simbolo british



KING ARTHUR – IL POTERE DELLA SPADA
Regia di Guy Ritchie. Con Charlie Hunman (Artù), Jude Law (Vortigern), Eric Bana (Uther Pendragon)
Usa 2017, 126’.
Distribuzione: Warner Bros.

Elefanti digitali galoppanti nella saga di Re Artù? Potere di Guy Ritchie che, dopo aver trasformato in chiave cool il mito Sherlock Holmes, ripropone la stessa miscela esplosiva con un altro simbolo british, il ciclo bretone.
Il regista ama l’azione veloce e frenetica, il montaggio sgrammaticato, l’assenza di pause, e conferma di essere maggiormente interessato all’estetica che alla coerenza narrativa o alla plausibilità di temi e digressioni.
Finisce per dipingere un Medio Evo magico e postcontemporaneo che sembra provenire direttamente dall’universo di “Game of Thrones”.

Togliendo completamente di mezzo Ginevra e Lancillotto, e mettendo Merlino sullo sfondo, il film si concentra su Artù, che dovrà combattere contro i suoi demoni e guidare il suo popolo contro il tiranno Vortigern, l’uomo cioè che ha ucciso i suoi genitori e usurpato il trono del padre.

Primo di sei sequel previsti in cantiere, “King Arhur” è un blockbuster fondato sull’accumulo: di personaggi, battaglie ed effetti, con uno smodato senso dell’azione spettacolare. Privo di significativi ruoli femminili, esibisce muscoli e spade in contesti ambientali ricreati interamente al computer, e a guardar bene è anche possibile riconoscere David Beckham in una delle guardie del nemico.
Il plot è vorticoso, flashback e flashforward portano continuamente indietro e avanti la vicenda.
 
Si provano a seguire le motivazioni del protagonista, ma è difficile districarsi e trovare anche solo uno sguardo di pura umanità in questo universo nevrotico e totalmente orientato all’azione

Voto: ☺☺☻☻☻

Articolo pubblicato il 17 maggio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐