Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia



Il Taormina Film Fest spegne 63 candeline

di Redazione

Una maratona di cinema nazionale e internazionale dal 6 fino al 9 luglio



TAORMINA - La 63/a edizione di Taormina FilmFest, organizzata da Taormina Arte conferma il suo legame con Messina, dove il festival è nato nel 1955, con la serata di preapertura di ieri sera, al Monte di Pietà, dov è stato proiettato in anteprima nazionale il film “Peggio di me” di di Riccardo Camilli, con Riccardo Camilli, Claudio Camilli, Tania Angelosanto, presenti alla serata. Si tratta di  una favola moderna, dei giorni nostri, che in qualche modo abbraccia anche gli anni ‘80. Un film esistenziale, un pizzico surreale, realizzato grazie anche a un crowdfunding.
Al programma si aggiunge una prima assoluta, “La Divina Dolzèldia” di Aurelio Grimaldi, e un’altra anteprima italiana, il documentario “La battaglia di Capo Bon” di Ruber Monterosso e Federico Savonitto.
Nel cast del film di Aurelio Grimaldi la protagonista è Guja Aielo, con la partecipazione straordinaria di Tuccio Musumeci, Simona Izzo, Pippo Pattavina, Lucia Sardo. Il regista italiano di “Ragazzi fuor”i e “La ribelle”, in questo suo ultimo film, racconta ventiquattro ore di vita di Dolzèdia, stagionata prostituta di lunghissimo corso, che ancora riceve ‘clienti’ nella sua casa al centro di Catania, affittando la sua stanza a più giovani colleghe ma anche esercitando ancora il favoloso ‘gnicche gnacche’, gioco erotico ‘segreto’, che i clienti non possono svelare pena una maledizione infernale sulla loro testa; ma che ancora molti clienti ansiosamente richiedono.

Il documentario “La battaglia di Capo Bon” di Ruber Monterosso e Federico Savonitto parla invece dello scontro navale al largo di capo Bon in Tunisia la notte fra il 12 e 13 dicembre del 1941 tra una formazione di due incrociatori leggeri italiani scortati dalla torpediniera Cigno e una flotta di cacciatorpediniere britannici.

Taormina FilmFest spegne quindi 63 candeline con una veste rinnovata, una maratona di cinema nazionale ed internazionale che punterà alla qualità e all’impegno sociale e culturale, con quattro importanti Master Class, sei film in anteprima nazionale e proiezioni di documentari patrimonio della cultura siciliana.

Tre le locations principali, Palazzo dei Congressi, Cinema Olimpia e Villa Comunale, che diverranno ben dieci per la Notte del Cinema. Leitmotiv del festival 2017 contaminazioni tra cinema, musica, teatro, opera lirica e letteratura.
 
Le Masterclass si svolgeranno al Palazzo dei Congressi, precedute dalla proiezione di un film. Si parte domani con quella dedicata a Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, registi di “Sicilian Ghost Story”, che ha inauguratola Semaine de la Critique del Festival di Cannes. Sarà preceduta dalla proiezione del film “La morte corre sul fiume” (“The Night of the Hunter”, 1955), diretto da Charles Laughton.

Il 9 luglio è la volta di Isabella Ragonese, vincitrice del Globo d’Oro come migliore attrice protagonista del film "Il padre d’Italia". La Masterclass sarà preceduta dalla proiezione di “Il primo incarico” di Giorgia Cecere. L’omaggio a Isabella Ragonese continuerà per tutte le giornate del festival alle 16, con altre quattro proiezioni di film indicati direttamente dall’attrice: “Tutta la vita davanti” di Paolo Virzì, “Sole cuore amore” di Daniele Vicari e “Dieci inverni” di Valerio Mieli e “Il padre d’Italia” di Fabio Mollo.

Sette i film stranieri in anteprima nazionale tutti provenienti da Cannes: “Rodin” di Jacque Doillon, Hikari (Radiance) di Naomi Kawase, “Becoming Gary Grant” di Mark Kidel, “Oh Lucy “di Atsuko Hirayanagi, Patti Cakes di Jeremy Jasper, “La Cordillera” di Santiago Mitre e “Le Phantomes d’Ismael” di Arnaud Desplechin.

La cinematografia italiana
sarà protagonista con alcune prime assolute: “Totò e Vicè” di Umberto De Paola e Marco Battaglia e “Mario Soffia sulla cenere” di Alberto Castiglione. Completeranno il palinsesto “Handy” di Vincenzo Cosentino, “Alamar” di Pedro Gonzales Rubio e “Sette giorni” di Rolando Colla. Un nutrito gruppo di documentari completano il programma.

Articolo pubblicato il 29 giugno 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐