Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app



Inda, ecco la stagione 2018

di Redazione

La rassegna prenderà il via il 10 maggio: tra i registi nomi di livello internazionale



ROMA - “Pensare in grande e raggiungere nuovi orizzonti puntando a divenire un’eccellenza riconosciuta a livello italiano ed europeo”. È questa l’ambizione dell’Inda, che lancia per la stagione 2018 il 54° Festival al Teatro greco di Siracusa, presentata pochi giorni fa in conferenza stampa nella sala Squarzina del Teatro Argentina di Roma. Una rassegna che anche quest’anno si presenta con novità e debutti assoluti. Una stagione disegnata dal commissario straordinario Pier Francesco Pinelli e dal direttore artistico Roberto Andò, il cui incarico è stato rinnovato fino all’agosto 2018, sulla scia del successo della stagione 2017 in cui il Festival ha registrato la presenza record di 140 mila spettatori con un incremento del 17 per cento rispetto al 2016. Il 2018 confermerà l’orientamento dell’Inda, oltre Siracusa, verso i teatri di pietra italiani ma vedrà la Fondazione compiere un ulteriore passo in avanti con il ritorno dopo 14 anni in Grecia, dove è nato il teatro.

La nuova stagione al Teatro greco di Siracusa prenderà il via il 10 maggio per concludersi l’8 luglio. Il tema sarà “La scena del potere” e verrà declinato attraverso tre nuove produzioni teatrali della Fondazione Inda, le tragedie “Edipo a Colono” di Sofocle ed “Eracle” di Euripide e la commedia “I cavalieri” di Aristofane. In una stagione proiettata ad aprire all’Inda le porte di una dimensione europea, la Fondazione rispetta l’impegno di portare la grande scena internazionale a Siracusa, con il debutto di un terzetto di registi la cui notorietà travalica i confini nazionali.

A dirigere “Edipo a Colono” sarà Yannis Kokkos, regista greco naturalizzato francese, che porta con sé una cifra espressiva in grado di evocare spazi incantati e astratti, intrecciando in una sintesi mirabile le meraviglie della natura e quelle della mente. Con Kokkos, che ha diretto nel mondo produzioni d’opera lirica, di teatro musicale e di prosa, tornerà a Siracusa un regista straniero a distanza di 9 anni da quando Krzysztof Zanussi curò nel 2009 la regia di Medea. Edipo a Colono sarà allestita per la quinta volta a Siracusa dopo le edizioni del 1936, 1952, 1976 e 2009.

Per “Eracle” sarà invece la terza volta a Siracusa, dopo gli allestimenti del 1964 e del 2007. A dirigerla sarà Emma Dante, regista che caratterizza con un linguaggio inconfondibile, personalissimo coraggioso ed intenso la scena europea del teatro contemporaneo. Con Emma Dante la regia di uno spettacolo al Teatro greco di Siracusa viene affidata nuovamente a una donna a distanza di cinque anni dall’Antigone di Cristina Pezzoli.

La prima assoluta della commedia “I cavalieri” nel programma delle rappresentazioni classiche al Teatro greco sarà affidata a Giampiero Solari, acclamato regista e autore di teatro di eventi e di notissimi programmi televisivi, ed eclettico maestro di molti dei più apprezzati comici nostrani. A lui spetta il testimone della sfida iniziata lo scorso anno dal nostro festival per rinnovare il codice della commedia, rinsaldandone il difficile patto con il pubblico di oggi.

I traduttori saranno Giorgio Ieranò per Eracle, Federico Condello per Edipo a Colono e Olimpia Imperio per I Cavalieri.
“Con la programmazione del 2018 - ha dichiarato il commissario Pinelli - miriamo a ripetere il successo dell’ultima stagione, un obiettivo culturale artistico e organizzativo, ambizioso e impegnativo, in particolare per il tentativo di ridefinire i paradigmi della rappresentazione contemporanea della commedia greca avviato con le Rane del 2017”.

“Nell’affidare alle mani sapienti di questi registi gli spettacoli del prossimo anno - ha commentato Andò - l’Inda offre al Teatro greco di Siracusa il ruolo nevralgico di laboratorio da cui rimodellare il linguaggio dei classici, tramandandone il patrimonio alle nuove generazioni e ad un pubblico sempre più contraddistinto dall’assenza di confini e di steccati.

A partire dal 5 ottobre 2017 saranno disponibili sia online che nella biglietteria di corso Matteotti i biglietti e gli abbonamenti per la stagione 2018 al Teatro greco di Siracusa.

Articolo pubblicato il 05 ottobre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐