Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app


Falcone e Borsellino rivivono all'interno di un'opera lirica

di Redazione

"Il muro dei martiri" chiuderà la 69^ stagione dell'Ente Luglio Musicale Trapanese



Trapani - L’opera “Falcone e Borsellino, ovvero il muro dei martiri” chiuderà la 69^ stagione lirica dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, per il quarto anno sotto la direzione artistica di Giovanni De Santis, affiancato da Andrea Certa, responsabile della programmazione lirica.
 
Il cartellone chiude dunque con una rappresentazione di forte impegno civile che andrà in scena venerdì 17 e domenica 19 novembre a Trapani, sul palco del Teatro Tonino Pardo presso il Conservatorio Scontrino, dopo un’anteprima rivolta alle scuole giovedì mattina (una seconda matinée è in calendario per lunedì 20 novembre).
 
“Falcone e Borsellino, ovvero il muro dei martiri” è “un dramma in musica ispirato alla cronaca”, un’opera in un solo atto per commemorare e tramandare due tra i più eclatanti delitti di mafia che hanno sconvolto l’Italia e che ancora restano vividi nella memoria collettiva, nonostante siano trascorsi più di 25 anni da allora. Era, infatti, il 23 maggio del 1992 quando un timer a distanza fu azionato per provocare la strage di Capaci, facendo saltare in aria l’auto su cui viaggiavano Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo insieme con tre agenti di polizia, sull’autostrada tra Punta Raisi e Palermo. Ed erano trascorsi solo 57 giorni quando, il 19 luglio, un’altra esplosione, stavolta in città, a Palermo, in via D’Amelio, uccise il giudice Paolo Borsellino, che stava andando a trovare la madre, insieme ai cinque uomini della sua scorta.
 
L’opera, interamente prodotta dall’Ente Luglio Musicale Trapanese, che la presenta in prima assoluta regionale, è frutto della collaborazione tra due autori che appartengono alla stessa terra di Falcone e Borsellino: Antonio Fortunato, il compositore, e Gaspare Miraglia, il librettista. Entrambi siciliani che hanno già lavorato insieme ne “La baronessa di Carini”, uscita nel 2011.
“Questo lavoro – hanno detto gli autori - vuole essere un omaggio ai due magistrati uccisi dalla mafia e a tutte le vittime della mafia, insieme a un messaggio di rinnovamento e di rinascita attraverso la musica e la poesia”. Tale messaggio, di riscatto tramite l’arte, è reso tangibile anche dall’essenziale elemento scenografico: un muro, edificato sulle macerie e sul quale scorrono i nomi dei tanti martiri di mafia, ideato da Antonella Conte, scenografa e costumista, e realizzato con la collaborazione dell’Accademia di Belle arti di Palermo.
 
Fortemente caratterizzante la scelta della regista, Maria Paola Viano, di unire, nel prologo dell’opera, l’enfasi poetica alla realtà, registrando le voci fuori campo non di attori ma di magistrati e avvocati attivi al Palazzo di Giustizia di Trapani: fondamentali, in tal senso, la disponibilità della Presidenza del Tribunale e della Procura della Repubblica, e la collaborazione fattiva dell’Anm (Associazione nazionale magistrati)m sottosezione di Trapani, della Camera Penale Rubino, dell’Ordine degli avvocati (che accredita l’evento con due crediti formativi).
 
Protagonisti dell’opera il soprano Clara Polito nel ruolo di una Madre di vittima della mafia, il baritono Luca Bruno nei panni di un Padre, Francesco Palmieri, basso, che impersona la Mafia - in questo caso un vero e proprio personaggio - e, a dar vita alle voci di Falcone e Borsellino, gli attori Edoardo Siravo e Claudio Lardo.
 
La direzione musicale è affidata a Elio Orciuolo, che dirigerà l’orchestra insieme con il coro dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, diretto da Fabio Modica, e con il Coro di Voci Bianche “Carpe Diem”, guidato da Roberta Caly. La regia, di indiscussa sensibilità e professionalità, è come detto di Maria Paola Viano, supportata dalla creatività di Antonella Conte per scene e costumi. Le luci sono di Giuseppe Saccaro.
 
I biglietti sono in vendita al Botteghino dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, in viale Regina Margherita (all’interno della Villa Comunale), dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 13 e dalle 16,30 alle 19, il sabato dalle ore 10 alle13 e dalle 17.00 alle 19.00. I titoli di ingresso possono essere acquistati anche online sul sito dell’Ente.

Articolo pubblicato il 09 novembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐