Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Il musical Dirty dancing arriva anche nei teatri siciliani

di Redazione

Il 27 e 28 febbraio al Massimo di Palermo e il 2 e 3 marzo al Metropolitan di Catania lo spettacolo tratto dal celebre film



PALERMO - Trent’anni di successi e di record, in cui nessuno è mai riuscito a mettere Baby in un angolo. È questo e tanto altro Dirty dancing - The classic story on stage, che quest’anno in occasione del trentennale dell’indimenticabile film è tornato a teatro per un lungo tour con una speciale versione firmata dal regista Federico Bellone.
 
Dopo aver debuttato con grande successo a Milano, grazie a un’iniziativa di Agave Spettacoli, il musical sbarcherà anche in Sicilia per quattro gironi. Si comincerà martedì 27 e mercoledì 28 febbraio alle ore 21,15 al Teatro Al Massimo di Palermo, per poi spostarsi a Catania venerdì 2 e sabato 3 marzo, al Teatro Metropolitan di Catania con inizio alle ore 21,15.
 
Dirty dancing è un titolo da record ancora oggi: un successo planetario al cinema, un Golden globe e un Oscar per il brano “(I’ve Had) The Time of My Life”, oltre 40 milioni di copie della colonna sonora vendute e, solo negli Stati Uniti, oltre 11 milioni di dvd e Blu-ray.
A teatro, in Paesi di consolidata tradizione di spettacoli musicali come Inghilterra e Germania, ha ottenuto i più alti incassi nella storia del teatro europeo. In Italia lo spettacolo ha debuttato per la prima volta in assoluto nel 2014, al Teatro nazionale di Milano, e ha registrato il record d’incassi con oltre 115.000 presenze nei primi 3 mesi di rappresentazione; ben 8.000 persone hanno inoltre assistito alla speciale rappresentazione all’Arena di Verona nell’agosto del 2015. Per il pubblico la versione teatrale è oramai, come succede per il film, un classico da vedere e rivedere, per vivere ogni volta tutte le emozioni e la magia di una storia senza tempo.
Dirty dancing - The classic story on stage ha la capacità di conquistare e coinvolgere non solo gli habitué del genere, ma di avvicinare al teatro tutta una nuova ed eterogenea parte di pubblico, impaziente di assistere “dal vivo” alla storia d’amore tra Johnny e Baby raccontata da musiche e coreografie indimenticabili, fedelmente riprese dalla versione cinematografica.
 
Lo speciale allestimento per i 30 anni del film è firmato dal regista Federico Bellone, con la supervisione di Eleanor Bergstein, autrice del film e dello spettacolo teatrale. Anche in questa nuova versione la colonna sonora comprenderà, oltre all’iconico brano vincitore di un Premio Oscar e di un Golden Globe “(I’ve Had) The Time Of My Life”, hit indimenticabili come “Hungry Eyes”, “Do You Love Me?”, “Hey! Baby” e “In the Still of the Night”.

Articolo pubblicato il 22 febbraio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus