Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia



La truffa dei Logan di Steven Soderbergh

di Francesco Torre

Una nuova esaltante truffa da parte di una delle bande pi├╣ improbabili e sgangherate di sempre



LA TRUFFA DEI LOGAN
Regia di Steven Soderbergh, con Channing Tatum (Jimmy Logan), Adam Driver (Clyde Logan), Riley Keough (Mellie Logan), Daniel Craig (Joe Bang)
Usa 2017, 119’.
Distribuzione: Lucky Red
 
Channing Tatum e Adam Driver sono, dai tempi de “I Gemelli” (con Arnold Schwarzenegger e Danny De Vito) la coppia di fratelli meno plausibile del grande schermo. Ma tant’è. Vivono nella contea di Boone, nel West Virginia. Il primo lavora in una miniera, il secondo è un reduce e invalido di guerra. Condividono una particolare forma di pigrizia mentale. O almeno così sembra, perché il loro piano per derubare l’incasso di una famosa gara automobilistica potrebbe anche funzionare, nonostante la squadra di truffatori non sia proprio quella di “Ocean’s Eleven” (giusto per citare uno dei titoli più noti del regista, Steven Soderbergh, che quattro anni fa aveva annunciato il ritiro anticipato dalle scene salvo pentirsene più o meno il giorno dopo): la sorella Mellie, parrucchiera, e Joe Bang, scassinatore in prigione, disponibile nell’ora d’aria.
 
Il solito Soderbergh, si dirà, o almeno il buon vecchio Soderbergh mainstream, ovvero la versione comedy e rassicurante dell’enfant prodige di “Sesso, bugie e videotape” e del politicamente progressista ed esteticamente irregolare del doppio biopic su Che Guevara. Ma se è vero che qui il registra mostra un abito un po’ consunto, pure si confronta con un’America che non gli appartiene, conservatrice e rozza, e il ritmo del film è così vivace da limitare grandemente il senso di déjà vu. Certo, a volte sbuffa, latita, risulta superfluo, cerca ancoraggio al di là dei piani strettissimi che si susseguono e dell’enorme quantità dei personaggi secondari creati, ma le riprese della gara (nel suo contesto da documentario pop dell’Ultra America) vivono di vita propria e regalano emozioni.
 
Voto: ☺☺1/2☻☻
 

Articolo pubblicato il 06 giugno 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐