Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Come non morire soffocati da un boccone

In Italia un caso alla settimana, soprattutto tra anziani e bambini con meno di tre anni. Diffuso il vademecum del 118 in sei punti. L'immediata chiamata al 118 è indispensabile. La "manovra di Heimich"



Ogni settimana in Italia una persona muore per soffocamento a causa di un boccone che va di traverso e ostruisce le vie aeree.
 
I casi sono tanti, come quello del bagnino di 45 anni morto a Rimini il 17 di agosto, o della ragazza disabile di 23 anni di Blufi, nel Palermitano, uccisa da un boccone di pane venti giorni fa.
 
Succede ad anziani e adulti, ma soprattutto a bambini con meno di tre anni.
 
Come è avvenuto in provincia di Taranto ieri e prima ancora, nella stessa regione, due settimane fa: due bambini di due anni soffocati in entrambi i casi da un chicco d'uva.
 
"La morte di Chiara e Nicolò, di soli due anni, in provincia di Taranto, impone che venga richiamata l'attenzione su questo argomento, è importante che i genitori siano informati su come comportarsi in casi del genere", dice Mario Balzanelli, Presidente della Società Italiana dei Sistemi 118.
 
E ricorda che il 118 è a disposizione, gratuitamente, di tutti gli italiani e in particolare di mamme e papà che vogliono informarsi sul comportamento da tenere quando ai loro bambini succedono incidenti che possono essere anche letali.
 
Ma ecco il vademecum del 118
 
1) I bambini piccoli devono essere sorvegliati anche e soprattutto quando mangiano.
 
2) E' indispensabile evitare, almeno fino all'età di 5 anni, di far mangiare cibi troppo grossi, di solito pezzi di carne, non adeguatamente tagliuzzati: il diametro in media non dev'essere superiore a cinque millimetri nei più piccoli e un centimero nei più grandi, in particolare quando lisci, rotondi come acini d'uva, o cilindrici come i pezzi di wurstel. Bisogna inoltre evitare che possano essere messi in bocca cibi con ossicini, in particolare di pollo, caramelle , soprattutto morbide, gomme da masticare, giocattoli o pezzi di giocattoli, monete o batterie a bottone.
 
3) I genitori e i familiari devono riconoscere immediatamente i segni della ostruzione severa delle vie aeree e dell'arresto cardiaco a essa conseguente: il bambino non piange, quando è molto piccolo, non emette suoni, non parla, non tossisce, cambia improvvisamente colore: il volto e le labbra diventano di colore viola-grigio, perde rapidamente coscienza e smette di respirare con torace immobile.
 
4) In questi casi, chiamare il 118 diventa una priorità assoluta potenzialmente salvavita. Il 118 deve essere chiamato per primo e non per ultimo, poiché non solo assicura l'invio immediato sul posto di un mezzo e di un equipaggio di soccorso in grado di assicurare la rianimazione più appropriata (avanzata), quanto attiva già in quel preciso istante l'atto terapeutico più determinante: gli infermieri operatori della Centrale Operativa organizzano e guidano le manovre salvavita da effettuare prima dell'arrivo del mezzo di soccorso. Il telefono di chi chiama deve essere messo in modalità viva voce e si deve rimanere in contatto con gli operatori della CO118 durante tutto il tempo che precede l'arrivo dei soccorsi.
 
5) La vittima deve essere soccorsa immediatamente. Se vi sia arresto cardiaco, dopo soli 3-4 minuti di anossia (assenza assoluta di ossigeno) cerebrale, subentra la morte. Occorre quindi evitare, nella maniera più assoluta, di spostare il corpo della vittima trasportandolo inutilmente al presidio sanitario più vicino e iniziare, invece, sul posto, le compressioni toraciche del massaggio cardiaco.
 
6) L'ampio intervallo temporale che precede la chiamata al 118, fa in tutti i casi una pesantissima differenza sul piano prognostico, tra la vita e la morte, con fasi convulse di soccorso improvvisato "fai da te" (infilare le dita in gola cercando di rimuovere il corpo estraneo) che non solo non risolve l'ostruzione ma la complica ulteriormente, spingendo ancora più in profondità il corpo estraneo incastrato.
 
Prima di chiamare il 118 i più esperti potranno tentare - solo per qualche decina di secondi - la manovra inventata nel 1974 dal medico statunitense Henry Heimich: posizionato dietro la persona che stava soffocando, cinse con le braccia la zona tra torace e addome compimento comprimendo in maniera energica per creare un rapido e brusco aumento di pressione che spinse fuori il corpo estraneo.
 

Articolo pubblicato il 25 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus