Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Alla scoperta delle stelle dal Polo di Isnello

Un "viaggio" proposto, per l'otto e il nove settembre, dal Centro internazionale per le scienze astronomiche Gal Hassin di Isnello, sulle Madonie. Tra gli ospiti l'astronauta Paolo Nespoli



Un viaggio di due giorni tra i segreti delle stelle in compagnia di astronomi, studiosi e un astronauta.
 
Lo propone per l'otto e il nove settembre, il Centro internazionale per le scienze astronomiche Gal Hassin di Isnello, sulle Madonie.
 
Il polo, punto di riferimento di molti scienziati, organizza ogni anno un ciclo di incontri e conferenze.
 
L'ospite principale del primo appuntamento sarà l'astronauta Paolo Nespoli che ha partecipato a varie missioni nello spazio e ha lavorato sulla stazione spaziale internazionale.
 
Nella sua testimonianza si confronterà con Roberto Battiston, presidente dell'Agenzia spaziale italiana.
 
La giornata sarà conclusa con uno spettacolo teatrale ("Starlight: settemillimetridiuniverso") di Filippo Tognazzo che racconta la storia dell'astrofisica italiana attraverso l'impegno e la ricerca di vari studiosi. Il 9 settembre un focus sui meteoriti (per l'occasione saranno esposti 12 pezzi) e sul loro impatto sulla terra. Ne parlerà Giovanni Pratesi, docente del dipartimento Scienza della Terra dell'Università di Firenze.
 
La conferenza si collega a una attività di ricerca scientifica del Centro di Isnello sui metoriti che partirà l'anno prossimo con l'installazione su monte Mafara di un telescopio "a grande campo".
La sessione del 9 settembre sarà conclusa con la testimonianza del giornalista scientifico Pietro Bianucci, che è stato responsabile di "Tuttoscienze" supplemento de La Stampa e ha lavorato con Piero Angela alla trasissione Superquark.
 
Bianucci sarà prima intervistato da Sabrina Masiero, direttrice del centro Gal Hassin, e poi terrà una conferenza, "Sotto il Cielo di Primo Levi".
 
Lo scrittore torinese, che aveva raccontato l'inferno di Auschwitz nel libro "Se questo è un uomo", era anche uno studioso di atomi e di astrofisica.

Articolo pubblicato il 28 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus