Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Diciotti, fascismo e antifascismo

Gli orrori subiti dai profughi, torturati, ricattati e venduti, imprigionati sottoterra. Le donne sono state violentate e sedici bambini nati sono morti di stenti. Le proteste di Casapound a Rocca di Papa, organizzato un sit-in antifascista



Hanno subito anni di violenze, alcuni sono stati tenuti sotto terra in un magazzino, venduti due o tre volte, e in quello stato di detenzione durato per molto tempo sono nati sedici bambini tutti morti dopo 4-5 mesi.
 
E' quanto raccontano molti dei profughi eritrei che erano a bordo della nave Diciotti e sono ora ospitati nel centro "Mondo migliore" di Rocca di Papa.
 
In queste ore emergono dalle interviste rilasciate agli operatori sociali del centro, le storie dei migranti durante tutto il percorso che hanno fatto in questi anni prima di arrivare in Italia.
 
Alcuni di loro hanno detto di essere stati tenuti sottoterra in un magazzino in Libia e qui delle donne hanno anche partorito per poi vedere morire i propri figli.
 
A quanto si è appreso, nessuno dei cento migranti ha problemi di salute, questo anche grazie ai soccorsi medici degli ultimi giorni a Catania.
 
Tra i nuovi ospiti del centro arrivati ieri ci sono anche sei coppie sposate e otto donne, tutte vittime di abusi sessuali.
 
La giornata di oggi è stata dedicata alle interviste degli operatori sociali e ulteriori visite mediche.
 
I migranti stanno ora riposando e, riferiscono gli operatori, "non hanno idea di quello che sta succedendo in queste ore intorno a loro, tantomeno del perché".
 
La maggior parte degli ospiti parla il tigrigno, la lingua ufficiale in Eritrea.
 
Intanto una trentina di militanti di Casapound è giunta in corteo davanti a "Mondo migliore" bloccando il traffico sulla via dei Laghi. Davanti al centro c'era già un presidioo antifascista "in difesa dei migranti".
 
Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, a proposito degli incontri tra Salvini e il premier ungherese Orban e delle dichiarazioni concilianti di Di Maio, ha parlato di "Governo prefascista" e di "Volto costituzionalmente eversivo del Conte-Salvini" puntando il dito contro il M5s.
 
 

Articolo pubblicato il 29 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus