Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app



Travolge volontariamente i vicini con l'auto, un morto e feriti

Alla base del folle gesto contrasti di vicinato. Uccisa una donna di 87 anni, sette i ricoverati, uno in prognosi riservata. Scattata la caccia all'uomo per catturare il colpevole. Posti di blocco dei Carabinieri. Utilizzato anche un elicottero



Una donna di 87 anni, Maria Napoli, è morta e altre sette persone sono rimaste ferite, due delle quali in maniera grave, dopo essere state travolte più volte con un'auto da un vicino di casa.
 
E' accaduto la notte scorsa a Palagonia, nel Catanese.
 
Le vittime erano sedute su tavoli in una strada chiusa al traffico, la via Savona, quando l'uomo, forse anche per vecchi contrasti di vicinato, è salito sulla vettura e volontariamente le ha più volte travolte ed è poi fuggito.
 
Anche un elicottero viene utilizzato nella battuta dei carabinieri che hanno istituito numerosi posti di blocco per fermare il ricercato.
 
I feriti sono stati ricoverati in vari ospedali a Caltagirone, Militello e Catania.
 
Uno di loro è in prognosi riservata.
 
Le vittime si trovavano in via Savona quando l'investitore le ha travolte con l'auto.
 
 
Al centro della drammatica aggressione, come detto, ci sarebbero pessimi rapporti tra l'uomo, che in passato era stato denunciato, e gli altri vicini di casa.
 
Il procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, ha detto: "Quando avrò chiara la dinamica dell'accaduto valuterò cosa contestare e non escludo il reato di tentativo di strage"
 
C'era infatti una trentina di persone sedute a tavola nella strada e tra essi un bimbo di nove mesi in un girello.
 
Tra i feriti nessuno sarebbe in pericolo di vita: una donna di 60 anni ha la rotula rotta ed è in ospedale al Cannizzaro di Catania.
 
A Caltagirone sono ricoverati per delle fratture e contusioni i genitori di due bambini che sono in osservazione, a scopo precauzionale, al reparto di pediatria.
 
 
 
Qualche settimana fa a Palermo un sessantenne uccise un vicino di casa con colpi di pistola perché infastidito dal fumo della carne che l'uomo stava arrostendo su un braciere.
 
 

Articolo pubblicato il 31 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐