Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app



Accoltell├▓ Commissario, revocata protezione umanitaria

Il ragazzo, che ha 18 anni ed ├Ę originario del Ghana, l'aveva ottenuta dopo essere sbarcato a Catania nel dicembre del 2016, per motivi legati alla minore et├á e alla presenza di una grave patologia genetica



Nei confronti del ghanese Gibren Mohammed alias Djibril Mohamed, 18 anni, che ha aggredito con un taglierino un commissario di polizia a Catania durante un tentativo di furto nella sua abitazione, assieme a un altro extracomunitario, è stata revocata la protezione umanitaria.
 
I due, nella notte tra il 29 e il 30 agosto scorsi, penetrati nella sua abitazione nel centro di Catania, hanno ferito con l'oggetto il funzionario procurandogli ferite curate con l'applicazione di ottanta punti di sutura e poi hanno tentato la fuga lanciandosi dal balcone della casa, che è al primo piano di un palazzo antico.
 
Il ghanese, arrivato nel dicembre del 2016 a Catania come minorenne non accompagnato, è rimasto ferito gravemente, ed è ricoverato nell'ospedale Garibaldi con la prognosi riservata per fratture multiple.
 
E' piantonato ed è arrestato per rapina aggravata, lesioni e offesa e resistenza a pubblico ufficiale. Il suo complice, un extracomunitario, è riuscito a fuggire, e su di lui indaga la squadra mobile.
 
Il poliziotto ha riportato ferite di arma da taglio su diverse parti del corpo, curate con 80 punti di sutura nell'ospedale Vittorio Emanuele, da dove è stato dimesso, giudicate guaribili in 20 giorni. Il commissario ha ricevuto una "telefonata di solidarietà" dal vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini che sui social network commenta: "Per questo presunto profugo nessuno sconto, espulsione immediata".
 
Il ministro dell'Interno ribadisce che "una legge giusta sulla legittima difesa che tuteli gli aggrediti e non gli aggressori è una delle nostre priorità".
 
Il giovane africano aveva un permesso di soggiorno per motivi umanitari rilasciato dal Questore di Catania nell'ottobre del 2017 su segnalazione della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Catania per motivi legati alla minore età e alla presenza di una grave patologia genetica.
 
Nel 2017 il ragazzo era stato denunciato per minacce, violenza, percosse e lesioni personali ai danni di dipendenti della comunità per minorenni che lo ha ospitato e anche per spaccio di sostanze stupefacenti.
 
L'11 luglio scorso era stato denunciato per furto alla comunità dove risiedeva.
 
 

Articolo pubblicato il 01 settembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐