Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Concluso processo di canonizzazione

Il "giudice ragazzino" fu ucciso nel 1990 a 38 anni in un agguato mafioso a Canicattì. I componenti del tribunale diocesano si erano insediati nel 2011. Domani i particolari



 
"Il processo diocesano di canonizzazione del giudice Rosario Angelo Livatino ucciso a 38 anni in un agguato mafioso la mattina del 21 settembre 1990, sulla statale che ogni mattina percorreva con la sua auto da Canicattì ad Agrigento, è giunto al termine".
 
La comunicazione è della Curia agrigentina.
 
I particolare della cerimonia di chiusura saranno illustrati domani alle 11, nella sede dell'Arcivescovado di Agrigento in una conferenza stampa alla quale parteciperanno l'arcivescovo di Agrigento, Francesco Montenegro, i componenti del tribunale diocesano insediatosi il 21 settembre 2011, il postulatore don Giuseppe Livatino, omonimo ma non parente del candidato alla canonizzazione e i rappresentanti dell'associazione "Amici del Giudice Rosario Angelo Livatino".
 
Questi hanno proposto la figura del "giudice ragazzino" all'allora vescovo Carmelo Ferraro che avviò la raccolta di testimonianze subito dopo l'anatema alla mafia di San Giovanni Paolo II a Piano San Gregorio nella Valle dei Templi il 9 maggio 1993 dopo un incontro con Rosalia Corbo e Vincenzo Livatino, anziani genitori del loro unico figlio.
 
In questi sette anni sono stati sentiti decine e decine di testimoni tra amici, parenti, colleghi e cittadini ma anche i killer del magistrato.
 

Articolo pubblicato il 05 settembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus