Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app



#Inoltrarsi, la nuova stagione del Teatro Libero di Palermo

di Redazione

Cartellone 2018/2019 presentato dal direttore artistico Luca Mazzone



PALERMO - Avanzare, andare oltre. In una parola #Inoltrarsi. È questo il tema della 51^ stagione internazionale del Libero, al via il prossimo 25 ottobre con la prima nazionale di circo contemporaneo, Zwai finest circus della compagnia svizzera E1nz.
 
Il cartellone 2018/2019 è stato presentato in conferenza stampa dal direttore artistico Luca Mazzone. In platea il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’assessore alla Cultura Andrea Cusumano e i direttori artistici del Teatro Massimo e del Teatro Biondo Francesco Giambrone e Roberto Alajmo.
 
A precedere la 51^ stagione, un avant-programme dedicato alle produzioni Medea Kali di Laurent Gaudé di Beno Mazzone (il 28 e 29 settembre e 5 e 6 ottobre) e Giganti di Luigi Pirandello, adattamento drammaturgico con la regia di Lia Chiappara (12, 13 e 19 settembre).
 
Cinque i progetti internazionali in scaletta tra danza teatro e circo contemporaneo, dopo aver toccato in tournée diversi continenti: due provenienti dalla Svizzera, uno dai Paesi baschi con lo spettacolo Andrè e Dorine della compagnia Kulunka Teatro; poi il Festival la Francia in scena, con Strates della compagnia Cie Rualite e la danza franco-africana di Bintou Dembele; e ancora il teatro internazionale del Teatro En Vilo di Madrid e la raffinata ricerca coreografica di Tiziana Arnaboldi.
 
Novità del triennio 2018-2020 sarà Francesco Silvestri artista residente-drammaturgo e nome di spicco della nuova drammaturgia napoletana,che seguirà tre nuove produzioni e un progetto di formazione: un laboratorio permanente per attori.
 
Nell’anno di Palermo Capitale della Cultura, come spiegato da Mazzone, la stagione è “dedicata quest’anno a diversi progetti di teatro contemporaneo, danza contemporanea e nuova drammaturgia. Ciò rispecchia l’identità del Libero: un teatro aperto e attento alla scena contemporanea, con una forte vocazione internazionale”.
 
La stagione di quest’anno è dedicata alla Costa Sud di Palermo, tratto di litorale per molti anni negato. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha auspicato “una stretta collaborazione con i teatri della città” scusandosi se “le altre istituzioni culturali pubbliche hanno ignorato il Libero negli anni”.

Articolo pubblicato il 06 settembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐