Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app



Mussolini torna al bar Fucsia

Secondo i giudici del Tribunale del Riesame di Ragusa esporre una foto del "duce" in un esercizio commerciale non è apologia del fascismo. I magistrati hanno dunque dissequestrato l'immagine, che era stata rimossa dopo proteste di una cliente



Esporre in un locale pubblico la foto del "duce" non è apologia del fascismo, secondo i giudici del Tribunale del riesame di Ragusa.
 
Perciò l'immagine che un mese fa, su segnalazione di una giovane donna, era stata rimossa dai Carabinieri da una parete del bar Fucsia di Modica è stata restituita al titolare dell'esercizio commerciale.
 
L'immagine di Benito Mussolini che esibisce la mascella volitiva potrà dunque tornare al suo posto assieme alla citazione che l'accompagnava.
 
Giuseppe Spadaro, comunque - il proprietario del locale apprezzato per le granite e i gelati artigianali - come già aveva dichiarato ai giudici, conferma di non aver avuto alcuna intenzione di fare propaganda politica.
 
"Non ho tempo - ha detto - per pensare a queste cose. Non parteggio per nessuno. E di Mussolini so solo quello che mio nonno mi raccontava quando ero bambino".
 
La foto aveva suscitato le proteste di una cliente, Agnese Stracquadanio, che prima ne aveva chiesto la rimozione e poi si era rivolta ai Carabinieri.
 
Con il sequestro dell'immagine era partita anche un'indagine che ora il Tribunale del Riesame ha ridimensionato.
 
Per i giudici, l'esposizione della foto va considerata un atto di manifestazione del pensiero, discutibile ma tutelato da un principio costituzionale.
 
Non basta per ipotizzare la ricostituzione del partito fascista. E non si può ravvisare nemmeno "l'astratta considerabilità del reato di apologia del fascismo".
 
Non basta a supportare questa tesi la frase che accompagnava la foto: "Non ho paura del nemico che mi attacca ma del falso amico che mi abbraccia".
 
Ma se non c'era una motivazione politica perché Spadaro l'ha scelta e l'ha esposta in pubblico?
 
"Semplicemente - risponde il titolare del bar Fucsia - perché mi era piaciuta. Riflette un mio punto di vista. Mi sembra una frase come tante".

Articolo pubblicato il 09 settembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus