Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia ´┐Ż su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Gaetti a Palermo con testimoni giustizia

Il venti settembre il sottosegretario all'Interno illustrerà "importanti novità" per i collaboratori. Nei decreti attuativi della nuova legge si dovrebbe prediligere "la scelta di mantenerli nel proprio luogo di residenza garantendo loro un'occupazione"



"Giovedì venti settembre dedicherò la mia giornata a Palermo per incontrare alcuni testimoni di giustizia e per annunciare novità importanti che li riguardano".
 
Lo ha sottolineato in una nota il sottosegretario all'Interno Luigi Gaetti.
 
"Per queste persone - ha spiegato - la scelta di testimoniare nei processi contro i clan mafiosi a fianco dello Stato, dopo aver subito estorsioni o aver assistito a eventi criminali, rappresenta un punto di non ritorno: uno spartiacque tra la vita di prima e il dopo. Spesso, infatti, per evitare le ritorsioni della criminalità organizzata, sono portati via dalle loro terre di origine e ricominciano una nuova vita in una località protetta, esclusi da qualsiasi contesto relazionale".
 
Gaetti ha ricordato come nel febbraio di quest'anno sia stata promulgata una legge sulle "Disposizioni per la protezione dei testimoni di giustizia".
 
"Adesso - ha detto - dobbiamo scrivere ben sei decreti attuativi. C'è finalmente un cambio di passo: rispetto all'allontanamento in una località protetta, si predilige la scelta di mantenerli nel proprio luogo di residenza garantendo loro un'occupazione. Questa maggiore sensibilità è coerente con il riconoscimento del ruolo fondamentale dei testimoni di giustizia: essi sono una priorità nella lotta alla mafia, insieme al tema dei beni confiscati".
 
"Anche per questo - ha concluso - il venti settembre sarà un'importante occasione per manifestare vicinanza a chi è impegnato in prima linea nel contrasto alla criminalità e alla corruzione e per rinnovare, a partire dall'ascolto delle loro istanze, le basi della fiducia nello Stato per una collaborazione sempre più proficua".
 
Gaetti, mantovano, sessant'anni, medico anatomo patologo, senatore grillino dal 2013, è stato vicepresidente della Commissione antimafia ed è, dal 12 giugno, sottosegretario all'Interno proprio con delega all'Antimafia.
 

Articolo pubblicato il 12 settembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐