Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app



Franchitto, che lotta la mafia con la legalità

Le riprese del film, incentrato sulla figura del poliziotto Franco Arcoraci, inizieranno a Milazzo, nel Messinese, il prossimo 17 settembre. Protagonista Rosario Petix



La mafia si può combattere sviluppando la cultura della giustizia, della legalità, dell'amore e del progresso civile e umano.
 
E' proprio questa la mission del protagonista del film "Franchitto, Io non ho paura", prodotto dal Laboratorio "La Fucina del Sud" in collaborazione con l'associazione Ermitage.
 
Sullo schermo si dipanerà la storia, ambientata a Barcellona Pozzo di Gotto (Me) negli anni '90 di un poliziotto, di nome Franco Arcoraci, alla quale si sono ispirati gli autori della fiction.
 
"La trama vuole mostrare l'impegno delle forze dell'ordine e di un poliziotto - affermano i promotori - che vive tra la gente comune divenendone amico e confidente, prendendo atto, tuttavia, che proprio tra la popolazione si nascondono i piccoli e i grandi criminali che, ogni giorno , nel silenzio , inquinano i territori e la popolazione con atti di terrore e di violenza psicologica".
 
Il film è stato presentato oggi a Milazzo (Me), nella sala comunale, in una conferenza stampa.
 
E' stato scritto e sceneggiato da Giusy Venuti e Franco Arcoraci con l'amichevole partecipazione di Mario Falcone.
 
Le riprese inizieranno dal 17 settembre e si snoderanno per cinque settimane, a Milazzo, Spadafora, Oliveri e Barcellona Pozzo di Gotto.
 
Protagonista è l'attore Rosario Petix che interpreta la parte dell'agente Franco D'Onofrio (nome d'arte) e sarà "proiettato nelle migliori sale cinematografiche italiane nell'autunno del 2019", hanno assicurato.
 
"Vogliamo veicolare un messaggio pedagogico e culturale che, nel porre in luce la crudeltà spietata dell'organizzazione criminale più nota al mondo, insegni - hanno detto gli autori - ai giovani che è possibile combatterla non temendola ma fronteggiandola. La mafia può considerarsi un albero le cui radici sono ben radicate e si diramano per tutta la Sicilia fino arrivare nelle grandi città del Nord Italia, dove sono collocate le sedi organizzative e la testa pensante dell'organizzazione criminale''.
 

Articolo pubblicato il 14 settembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐