Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La Tunisia vince il campionato del mondo

A San Vito Lo Capo, nel Trapanese, si è conclusa ieri sera la competizione tra dieci Paesi. Ma i visitatori hanno premiato il Senegal, con Ndaye Alioune Badara detto Paco, italiano d'adozione



E' la Tunisia il paese vincitore del Campionato del mondo del cous cous, competizione tra dieci Paesi svolta nell'ambito del Cous Cous Fest chiuso ieri sera a San Vito Lo Capo, nel Trapanese.
 
La ricetta di Nabil Bakouss, che lavora al ristorante Joia dello chef di origini svizzere Pietro Leemann, coadiuvato dagli chef Youssef Abdelli e Lamjed Hosni, è stato il più apprezzato dalla giuria tecnica, tra quelle degli altri nove paesi in gara: Angola, Costa d'Avorio, Israele, Italia, Marocco, Senegal, Spagna e Stati Uniti.
 
La giuria di esperti, presieduta da Fiammetta Fadda, firma di Panorama, ha visto impegnati negli assaggi quattordini tra giornalisti, chef e blogger.
 
La ricetta tunisina, "Mare Nostrum", è un cous cous al gambero rosso, harissa grigliata e hummus al finocchietto.
 
A Israele, rappresentato dallo chef Moshe Basson del ristorante Eucalyptus di Gerusalemme, è andato il premio per la migliore presentazione del piatto.
 
La giuria popolare, composta dai visitatori della manifestazione, ha premiato invece il Senegal, con Ndaye Alioune Badara detto Paco, italiano d'adozione, che ha studiato ad Alma con Gualtiero Marchesi.
 
Agli Stati Uniti, rappresentati dallo chef Marc Murphy, che gestisce la catena dei ristoranti Benchmarc Restaurants e fa parte del Diplomatic Culinary Partnership del Dipartimento di Stato americano, è andato il premio Salute e benessere.
 
Il Cous Cous Fest ha attirato nella cittadina trapanese migliaia di persone con un programma di dieci giorni che ha visto oltre 40 cooking show.
 
"Il cous cous - ha detto il sindaco di San Vito Lo Capo Giuseppe Peraino - è il pretesto per parlare di pace e solidarietà tra popoli all'insegna del motto 'make cous cous not war'".

Articolo pubblicato il 01 ottobre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus