Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Pablo Picasso e Frida Khalo prorogano al 18 novembre

Posticipata la chiusura delle mostre ospitate nel Convitto delle Arti di Noto



NOTO (SR) - Il grande successo e le numerose richieste pervenute agli organizzatori della mostra “Picasso è Noto” che ospita “Frida Khalo - La rivoluzionaria” hanno portato alla proroga della chiusura, inizialmente prevista per il 30 ottobre. Le opere di Pablo Picasso e le foto che testimoniano la vita di Frida Khalo sono stati già ammirati da quasi 35.000 spettatori e saranno disponibili al pubblico fino al 18 novembre.
 
La mostra “Picasso è Noto” è un percorso completo nell’opera di Pablo Picasso che va alla scoperta delle passioni che hanno accompagnato il grande artista spagnolo in tutta la sua vita e nell’evoluzione del suo linguaggio artistico. L’esposizione, curata da Lola Durán Úcar, vede la collaborazione dell’assessorato Turismo, sport e spettacolo della Regione Siciliana e della Città di Noto ed è prodotta da Fenice Company Ideas, Contemplazioni, in collaborazione con Comediarting.
 
Le 208 opere esposte al Convitto delle Arti Noto Museum raccontano tutti i temi più cari a Pablo Picasso, come la sua interpretazione della realtà con il teatro e il circo, amati sin dagli inizi della sua vita parigina insieme all’amico Gershwin, oltre alla massima espressione della sua passione più grande: la tauromachia. Tutte queste passioni sono state, indubbiamente, lungo tutta la sua carriera, gli argomenti di ricerca portante nella sua complessa cifra stilistica. Lui, unico artista del Novecento che ha saputo trattare tutte le tecniche ascrivibili al mondo dell’arte al massimo livello, è stato considerato un “genio” proprio perché non si è mai fermato davanti a nulla, mettendosi in gioco e sperimentando fino alla vecchiaia. Questa mostra aiuta a capire la complessità di Picasso, figura chiave del panorama artistico del secolo scorso che ancora influenza l’arte.
 
Ma, come, detto, all’interno della mostra c’è spazio anche per un’altra grande artista: Firda Khalo. Lei, come Marilyn Monroe, è un personaggio che non lascia indifferenti e che si autoreplica attraverso l’immaginario collettivo il quale trova, nelle sue vicende artistiche, ma ancor più nelle sue vicende umane, una forza esistenziale che supera ogni difficoltà e non si arrende di fronte ai fatti, anche tragici della vita.
 
Le fotografie che la riguardano, realizzate dai più grandi fotografi del tempo e ospitate al Convitto delle Arti Noto Museum, portano in evidenza alcuni momenti della sua esistenza, sospesa tra vicende che hanno influenzato non solo la sua pittura, ma anche il suo modo di concepire la vita. Tra tormenti e passioni che hanno ormai travalicato la storia dell’arte, per entrare nel mito. Amori, dolori, politica, creatività e ricerca di una propria serenità interiore, portano in evidenza la personalità di un artista, ma ancor più di una donna, che è divenuta il simbolo della forza e della indipendenza di tutte le donne. In queste immagini che colgono Frida Kahlo nei suoi momenti, privati e pubblici, si ritrova tutta la vicenda umana e la passionalità di una protagonista indiscussa del ventesimo secolo appena trascorso. Una mostra, questa di Noto, che non mancherà di emozionare i visitatori e che ci svelerà gli aspetti di una vicenda appassionante e unica.
 
Ad arricchire la mostra, le opere di venti artisti siciliani che hanno interpretato l’artista messicana. Venti capolavori che potranno essere ammirati nelle due aule del cortile del Convitto delle Arti Noto Museum. La mostra è realizzata da Fenice Company Ideas e Diffusione Italia International Group e vede la collaborazione del Comune di Noto.

Articolo pubblicato il 02 novembre 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus