Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
E-cologia di Antonio Casa
il blog sull'ambiente e il consumo


Feb
18
2011
Eni vuole chiudere i contenziosi attualmente pendenti sui danni ambientali in nove siti industriali, fra cui quelli siciliani di Priolo e Gela. Una buona notizia, perché l'ambiente da quelle parti sta male e cominciare a fare delle bonifiche è cosa buona e sensata.
 
Considerando lo stanziamento complessivamente di 1,25 miliardi di euro, in Sicilia dovrebbero arrivare circa 350-400 milioni di euro che, tra l'altro, innescheranno anche una ricaduta occupazionale, seppure a tempo determinato.
 
A tal fine, Eni ha proposto una transazione al ministero dell'Ambiente chiamato ora alla propria valutazione. E' l'occasione, in caso di assenso ministeriale, per far partire anche il resto delle bonifiche, cioè quelle legate alle altre imprese che operano nelle zone industriali, soprattutto nell'area priolese.
 
Tralasciando gli annunci che ben conosciamo e cominciando a lavorare sul serio.