Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

L'editoriale del Direttore di Carlo Alberto Tregua
 


Ott
22
2011
Quando si è ipotizzato di far scendere il livello per le transazioni in contanti a 500 euro, Berlusconi ha detto di no, giustificando con il fatto che questo non è uno Stato di Polizia. Che c’entra questa considerazione con l’abitudine a usare i contanti, spesso per  evitare le imposte e quindi facilitare l’evasione? La deduzione è che a Berlusconi interessano gli evasori, anche quelli piccoli, perchè ognuno di essi esprime un voto, esattamente come chi paga le imposte fino all’ultimo centesimo.
Il nostro è un Popolo di Evasori. Non si giustificherebbe in altro modo l’enorme massa di imposte che non viene pagata e stimata uniformemente in 120 miliardi. Se tutti pagassero le imposte, in modo da annullare tale importo, la pressione fiscale diminuirebbe e l’onesto contribuente pagherebbe di meno. A riguardo, sarebbe opportuno che l’Agenzia delle Entrate rilasciasse i certificati di buona condotta a coloro che fanno il proprio dovere fiscale.

Seppur la legge 241/90 e la legge 133/2008 prevedessero il deposito degli elenchi in ogni Comune con il nome, cognome e reddito complessivo dei cittadini, la volontà pro-evasori di Berlusconi ha fatto annacquare i due provvedimenti, anche se non li ha abrogati, con l’ultima manovra (Legge 148/2011). Essa ha previsto la pubblicazione on line, nei siti dei Comuni, dei dati aggregati, relativi alle dichiarazioni dei redditi, con riferimento a determinate categorie. Tuttavia, anche in questo caso, ha messo un impedimento costituito dall’emissione di un Dpcm, il quale dovrà disciplinarne le modalità.
Anziché andare in favore degli evasori, il Governo avrebbe dovuto consolidare la norma esistente sulla pubblicità dei redditi ed aggiungere la possibilità di inserire nella tessera del codice fiscale, di ognuno di noi, il reddito complessivo degli ultimi tre anni. Questo avrebbe semplificato l’attività di tanti altri settori della Pubblica amministrazione, nell’ erogazione di agevolazioni di varia natura, perchè il rilevamento del reddito attraverso tale tessera, si sarebbe effettuato in tempo reale.
Bisogna scoprire le carte ai falsi moralizzatori e dire, apertis verbis, che l’evasore è disonesto, incivile e asociale.
 
Nei Paesi anglosassoni i cittadini hanno l’orgoglio di dichiarare le imposte che pagano, conseguenti a quanto guadagnano. Ogni cittadino può controllare i redditi dei propri concittadini. Si tratta di una concezione sociale serena. Nessuno pensa che controllare quanto guadagna il vicino comporti un’ingerenza nei fatti altrui, perchè le imposte che paga quello, gli danno il diritto di essere un cittadino.
In Italia, anche ad alti livelli, ci si vanta della furbizia di essere evasori o di fregare lo Stato, come se lo Stato non fossimo noi. Sono proprio coloro che si trovano nei posti di più alta responsabilità che debbono dare l’esempio di correttezza e di onestà fiscale. Come è pensabile che fra cittadini onesti ancora possano circolare le mazzette da 500 euro?
La banalità che si usa dire è anche un’incontrovertibile verità: se tutti pagassero le imposte, chi le paga se le vedrebbe ridotte. Vi è una seconda verità: se le imposte incassate sono ben spese, secondo criteri di essenzialità, efficienza ed organizzazione, si otterrebbero maggiori servizi, di migliore qualità e probabilmente notevoli risparmi.

Sono stati denominati i furbetti del quartierino alcuni arrampicatori sociali ed economici. Che dire dei furbetti dell’evasione che anziché pagare le imposte si comprano ville e barche ed hanno un tenore di vita sproporzionato ai redditi dichiarati? è vero, dal primo luglio è entrata in vigore la norma chiamata spesometro, che consente agli enti accertatori di imputare a reddito, sottoposto ad imposte, quella ricchezza emergente da beni e comportamenti non ragguagliati al reddito complessivo dichiarato.
Ma la questione riguarda i controlli. Non ci sarebbero sufficienti operatori dell’Agenzia delle Entrate nè finanzieri per controllare tutto. Ecco che il controllo dei redditi deve essere affidato ai cittadini: ognuno controlla il proprio vicino. Non si tratta, come stupidamente viene affermato, di delazione, ma di segnalare le anomalie fiscali e sociali al 117 della Guardia di Finanza o di inviare fotografie ed elementi in modo da individuare coloro che predicano bene e razzolano male. Come si vede, c’è un modo per ogni cosa: basta volerlo attuare.