Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
L'editoriale del Direttore di Carlo Alberto Tregua
 


Ott
07
2011
Molte persone cominciano una discussione esclamando: c’è un problema. Si tratta di incapaci che si fermano al primo ostacolo, piccolo o grande che sia.
Intendiamoci, non è che difficoltà e problemi non esistano. Anzi, ne esistono tanti, e tutti i giorni. Certificare la loro presenza nel tragitto che compiamo nella nostra vita è un esercizio tanto banale quanto vuoto di contenuti. Invece, bisogna che la nostra mente, cioè l’intelligenza che governa il cervello, sia addestrata e pronta ad affrontare le difficoltà per superarle in modo da approcciare il problema con un’idonea soluzione.
è la differenza tra chi ha una mentalità positiva e una negativa. è la differenza tra chi vuole costruire e chi rimane inerte ed incapace di superare gli ostacoli. E chi non ha capito che deve auto-addestrarsi continuamente tutti i giorni per essere pronto ad ogni evento negativo. E chi è capace di trasformare un impedimento in giovamento. Non è facile percorrere tale via con questo stato mentale, ma si può fare.

Se si approccia un problema in modo positivo si cerca la relativa soluzione. Esiste la migliore soluzione di un problema? Sì, certamente, dipende se si cerca in modo approfondito o superficiale. In questo ultimo caso probabilmente la soluzione non sarà efficace. Se, invece, si ragiona elaborando più possibilità, la migliore soluzione verrà fuori.  
Spesso non ve ne è una sola, ma tante che presentano pro e contro. Che si fa in questo caso? La risposta c’è. Si prendono le parti più funzionali di ogni soluzione, si miscelano e viene fuori quella più appropriata.  Si tratta di avere l’abitudine ad adoperare un’appropriata tecnica con serenità ed equilibrio, senza i quali è difficile ottenere un buon risultato.   
Molti girano attorno ai problemi perchè non li capiscono in quanto non possiedono doti di analisi e di logica indispensabili per tentare di raggiungere la migliore soluzione.
La logica è  quella parte della filosofia che studia le condizioni di validità dei procedimenti di inferenza di un giudizio. è anche l’arte di raggiungere il ragionamento, l’argomentazione, il discorso in modo che le idee siano tra esse connesse e si sviluppino con razionale procedimento l’uno dall’altro.
 
La logica non è patrimonio di tutti. Neppure la razionalità e neanche la capacità di analisi. Mancando questi elementi è difficile comprendere l’essenza dei problemi ed ancora più difficile trovarvi soluzioni.
Tuttavia, l’umanità è andata sempre avanti perchè ha cercato di vivere meglio con innovazioni continue,  sia di metodo che di merito. Il miglioramento della vita è un aspetto non secondario delle condizioni delle persone, dovuto al frutto della ricerca. Essere pronti ad affrontare un problema è conseguenza della capacità di non farsi investire da esso, ma di approcciarlo con pazienza, sapendo che la soluzione non si trova a portata di mano. Ecco un’altra dote che non è insita nella natura umana, appunto, la pazienza. 
Una dote che si acquisisce con il tempo se ci si mette testa, tutti i giorni e persino la notte. Essere pazienti e tolleranti è uno stato mentale non gratuito che costa molta fatica, perchè bisogna dominare gli impulsi e tenere a freno l’istinto, che spesso ci induce a compiere azioni sbagliate.

A pazienza e tolleranza bisogna aggiungere la riflessione. Avere il tempo per riflettere è indispensabile, in modo da mettere sul piatto della bilancia elementi favorevoli e contrari per trovare il modo più idoneo e la migliore soluzione che ogni problema merita.
Quante doti deve avere una persona per vivere al meglio? Tante doti che non sono il bagaglio di chi nasce, ma che si acquisiscono via via ponendo l’obiettivo di migliorare le proprie performances e quindi raggiungere i migliori risultati. Vi sono dissertazioni infinite sul come fare, cioè sulla questione di metodo. Persino René Descartes (1956-1650) ha scritto un volumetto sulla materia.
La vita è complessa e persino complicata. A volte noi, con il nostro comportamento, la rendiamo più complessa e più complicata, mentre dovremmo fare di tutto per semplificarla. Non è facile, ma si può fare, perchè dobbiamo aver chiaro che, entro certi limiti, o noi guidiamo gli eventi o gli eventi guidano noi. Il che significa che se non troviamo la soluzione ad ogni problema esso vincerà. Ma così non deve accadere.