Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

No Profit Blog di Patrizia Penna
il blog sul no profit


Lug
13
2011
Amano stare in compagnia degli amici. A casa, trascorrono ore ed ore a navigare su internet. Praticano lo
sport soprattutto a scuola e molto poco nel tempo libero. Sono affascinati dal mondo dei videogames ma
non troppo o comunque non ai livelli dei coetanei settentrionali.
E’ questo il ritratto del teenager siciliano secondo la ricerca realizzata da realizzata da Ipsos Public Affairs,
azienda specializzata in ricerche strategiche e di mercato, dal titolo “Lo stile di vita dei bambini e dei
ragazzi”. L’indagine, commissionata dall’associazione Save the Children, ha riguardato tutto il territorio
nazionale ed ha messo in luce dati decisamente interessanti per ciò che concerne le abitudini dei giovani
siciliani (Catania e Palermo sono state le città prese a campione per la nostra Isola).
Considerata indispensabile per la salute dei giovani, l’attività fisica scolastica è praticata dal 91% dei
giovani italiani e, entrando nel dettaglio delle città siciliane, la totalità catanese scende all’88%, contro il
92% palermitano, che supera addirittura il 90% milanese. La principale causa, in generale, del mancato
svolgimento di attività sportive a scuola è attribuibile all’assenza di spazi attrezzati.
La media nazionale dei giovani che praticano sport nel tempo libero, scende all’82%, la città che registra
il dato inferiore è Catania (77%), mentre Palermo si mantiene nella media con l’83%. Qui, tra i motivi
principali della risposta negativa, si riscontra spesso l’impossibilità da parte dei genitori di accompagnare i
propri figli presso le strutture sportive, le quali, inoltre, hanno costi esosi.
Stare in compagnia, al Nord come al Sud, sembra essere il vero passatempo dei giovani tra i 14 ed i 17 anni.
Dati, questi ultimi, che conforteranno di certo i più scettici nei confronti di questi tempi moderni che
rendono la vita indubbiamente più frenetica ma che non fanno perdere di vista, comunque, l’importanza
del confronto con l’altro e della compagnia.