Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
 
Isola Telematica di Benedetto Motisi
il blog sull'ICT e il Web siciliano


Ott
06
2011
Steve Jobs morto, RIP.
In queste ore il Web è pieno di messaggio di cordoglio al fondatore di Apple, al Profeta dell'hi-tech. A un uomo che ha impartito lezioni che appartengono a una cultura meritocratica, a una voglia di fare, di inseguire un progetto per poi superarlo che devono servire da lezione.
 
Al di là dei meriti professionali, Steve Jobs è un'icona di questo XXI secolo, un'icona moderna, non un leader politico, un generale o un'altra figura storica legata a un periodo differente dal nostro. E' un'icona di questo lasso di tempo della Storia, un uomo di mercato, di marketing, il campo di battaglia del mondo contemporaneo. Un generale 2.0 grandioso.
 
Certo, ha avuto la fortuna di non nascere "Stefano Lavori" e rischiare di sporcarsi con il pensiero fantozziano tutto italiano (e siciliano). A maggior ragione, va preso da insegnamento.
 
Per "think different" e "stay hungry, stay foolish" grazie Steve.