Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
 
Isola Telematica di Benedetto Motisi
il blog sull'ICT e il Web siciliano


Ago
29
2011
La banda larga in Sicilia fatica a emergere, soprattutto e paradossalmente adesso che con la crisi la cinghia si è fatta stretta e i fondi destinati agli investimenti nelle infrastrutture digitali sono svaniti o sono parcheggiati da tempo.
 
Massimo Mobilia, in una recente inchiesta sull'e-gov di qualche giorno fa del QdS, parla di cife ben lontane dalle regioni italiane più avanzate nel campo ICT, già a loro volta ben lontane dagli standard europei.
 
Su 100 famiglie siciliane solo 39 hanno l'accesso alla banda larga in Sicilia, mentre in Lombardia la percentuale sale a 53.
 
Una matrioska di digital divide che aggrava ancora di più la crisi.
 
Ne abbiamo parlato piuttosto spesso in passato su Isola Telematica e nelle inchieste del quotidiano: Internet è capace di creare lavoro. Purtroppo c'è ancora una concezione errata, che vede il Web come una perdita di tempo, e in questo caso, alcune dichiarazioni da esponenti politici non fanno che peggiorare e distorcere ancora più la realtà dei fatti.
 
Realtà dei fatti che parla chiaro: il settore ICT in Italia vale il 2% del PIL, lo stesso dell'agricoltura che può però contare su investimenti statali non indifferenti (fonte: IAB Events).
 
Nell'Isola più di qualcosa si muove da tempo, lo abbiamo visto citando start-up come E-Ludo o Drakkar Dev.
 
Eppure qua, in Sicilia la banda larga è utopia: fareste mai operare un chirurgo con delle sanguisughe invece che con il bisturi? Gli strumenti, con una metafora, per uscire dalla crisi, sono questi.
 
E intanto, nel resto del mond, si viaggia a colpi 2.0.
 
 
Ago
21
2011
Le ferie ad agosto sono roba fantozziana. Abbiamo chiesto ai fan della pagina Facebook del QdS.it (a proposito iscriviti se ancora non l'hai fatto!) e il 50% dei voti ha decretato l'infausto giudizio.
 
Un altro 25% ha risposto con freddo realismo "c'è la crisi, quali ferie?" , non sappiamo se con un tocco di ironia o di preoccupazione per l'incerte sorti economiche proprie e del Paese. Un altro 25% rappresenta lo zoccolo duro delle ferie ad agosto, "sacrosante" dopo un anno di tirare avanti la carretta.
 
Dal canto nostro, la posizione del Quotidiano di Sicilia è stata molto netta con post e inchiesta sulle ferie ad agosto a riflettere un'usanza di costume forse un po' troppo abusata.
 
Il sondaggio è in linea con una tendenza a voler andare oltre le ferie ad agosto, magari con un modello più europeo spalmato su più settimane che concentrate in un unico mese.
 
E' un risultato che riguarda solo una nicchia, ci si chiede alla fine, orientata ai nostri lettori, o forse qualcosa sta davvero cambiando?
Ago
11
2011
Anche se è agosto, lungi da noi pensare che la Sicilia sia solo mare, sole e spiagge incantevoli. Certo, l'Isola è una delle attrazioni balneari estive più forti del Belpaese ma.. c'è qualche stakanovista che ha deciso di insistere sul Web in Sicilia anche in questa stagione!
 
Si tratta dei ragazzi di E-Ludo che, insieme a Reattivamente, hanno realizzato un gioco in flash molto ben fatto, a tema ovviamente estivo ma che non si limita solo ad essere un passatempo fra una foto e l'altra delle vacanze da postare su Facebook.
 
Si tratta di un vero e proprio advergame, ovvero una via di mezzo fra un gioco e un veicolo di marketing, qui concretizzato nella vincita di coupon e buoni sconto direttamente ingame.
 
Ho fatto alcune domande a Salvo Mica, CEO di E-Ludo, a riguardo:
 
1. Come avete pensato al Summer Game?
 
Volevamo sperimentare, creando un prodotto ibrido, che stesse in mezzo a videogame e pubblicità, abbiamo conosciuto un buon partner "Reattiva" che ci ha consentito di farlo mettendo a disposizione le sue competenze in ambito pubblicitario e abbiamo iniziato. Summergame è un prodotto ritagliato sopra, pensato e progettato per i centri commerciali: ci consente di dare visibilità a molti marchi, differenziando e valorizzando i brand più importanti, il tutto in una cornice ludica coerente e unitaria: il prodotto è divertente questo è l'importante!

2. Di che si tratta?
 
E' un advergame, un esperimento innovativo in Italia e in Sicilia: il giocatrore gioca e vince reali coupon che può ritirare nei negozi e centri commerciali aderenti all'iniziativa. E' il futuro: la pubblicità passiva annoia ed in definitiva raggiunge sempre meno spesso i suoi obiettivi. Questo tipo di pubblicità diverte, intrattiene, da qualcosa all'utente senza "pretendere" attenzione.

3. Pensate che la pubblicità e il business online possano essere un volano per l'occupazione in Sicilia?
 
La pubblicità, la comunicazione, il web, il videogame, l'ICT sono possibilità di sviluppo OVUNQUE, La Sicilia potrà goderne solo se le istituzioni vorranno prestare attenzione al nuovo mondo, se le università creeranno corsi appositi, se i siciliani smetteranno di pensare al postofisso-ottenuto-grazie-all-amico-politico, etc... Le possibilità ci sono, serve lavorare sodo e avere le idee chiare. E tanto tanto coraggio.
 
Ringraziando Salvo per la disponibilità, ecco il link alla pagina di Facebook di Summer Game... e ora.. al mouse! (p.s. sempre amato Arkanoid ;) )