Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

 
East Coast di Carmelo Lazzaro Danzuso
il blog sulla Sicilia Orientale


Tag Senso Civico

Gen
20
2010
Se a Trento getti a terra un mozzicone di sigaretta, ti fanno una multa di 500 euro. Lo ha deciso il Consiglio comunale. La proposta viene dalla Lega  ma è stata approvata dalla giunta di centrosinistra, guidata dal sindaco Alessandro Andreatta. È ben più di un invito a tenere pulita la città. È un obbligo vero e proprio. Sanzionato pesantemente. Immaginiamo che i cittadini non faranno troppi sforzi per rispettare la norma. Il senso civico, da quelle parti, è abbastanza spiccato.

Ci chiediamo se non sia il caso di applicare anche dalle nostre parti le leggi che già esistono, che i cittadini eludono, che gli amministratori e le Forze dell'Ordine fanno finta di non conoscere. Certo non possiamo parlare di cicche di sigarette, ma di escrementi di animali, rifiuti ingombranti, immondizia di ogni genere, raccolta differenziata, auto in tripla fila.
 
Nessuno controlla, mentre i cittadini sono liberi di comportarsi come credono. Il senso civico, laddove di base è scarso, è purtroppo proporzionato alla repressione che le istituzioni mettono in atto. Altrimenti, non ci sarebbe alcuna spiegazione del fatto che un siciliano, quando è in vacanza al Nord, non si permetta di parcheggiare in divieto di sosta, di lasciare il cane libero in un parco, di gettare a terra i propri rifiuti. Sapendo che un vigile potrebbe fargliela pagare subito. E anche cara.
Lug
16
2009
L’ex tribunale di Siracusa è invaso dai sacchetti di spazzatura: non ci sarebbe niente di insolito (purtroppo) se non che la struttura non ospita più gli uffici giudiziari e non è nemmeno di proprietà pubblica.

Quindi, a differenza di altre opere pubbliche in abbandono, per le quali cerchiamo di ricondurre la responsabilità della pulizia agli enti locali, in questo caso, trattandosi di edificio privato, non possiamo puntare il dito contro la pubblica amministrazione e forse non possiamo nemmeno pretendere che il proprietario provveda come se si trattasse di spazi pubblici, per quanto degradati.

Certo, l’amministratore dell’immobile lo abbiamo sentito ugualmente. Parole sconsolate, ha spiegato che l’ultima volta ha rimosso un intero camion di rifiuti. Erano quelli dei residenti nei condomini vicini, abituati a lanciare i loro sacchetti di “monnezza” nell’area abbandonata, trasformandola in una discarica.

La vicenda fa riflettere. Può esserci un’amministrazione pubblica efficiente (avviene in tante belle regioni d’Italia e talvolta anche da noi), ma non può mai bastare, se prima di tutto il cittadino non ha educazione, rispetto, senso civico. Non ci vorrebbe molto, in fondo. Se non piccoli impegni, nelle cose di ogni giorno.