Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

L'editoriale del vice direttore di Raffaella Tregua


Tag Esperienze Di Vita

Mar
30
2011
Non esiste un’età migliore di un’altra. Solo che l’una è molto diversa dall’altra. Quando siamo giovani ci pensiamo invincibili, l’entusiasmo ci prende per ogni cosa, ci fa volare verso orizzonti lontani, l’energia è incontenibile. Ma il passo è incerto, il respiro insicuro, la mente incostante, il cuore inconsapevole. Poi il tempo ci insegna saggezza, il passo diventa più lento e sicuro, l’energia si concentra su obiettivi primari, la mente si fortifica ed il cuore comprende appieno dove andare e come. Commettiamo meno errori, diventiamo più riflessivi, respiriamo a pieni polmoni ogni singolo istante di vita.
 
L’esperienza che si accumula giorno dopo giorno dentro di noi, non si somma, si moltiplica perché abbiamo acquisito la capacità di trasformare tanti piccoli fiocchi di neve in una grande montagnola con poco sforzo. Ogni gesto diventa un atto di consapevolezza verso il nostro corpo e la nostra anima. Sappiamo che nulla è per caso, sentiamo che siamo parte di un tutt’uno che è l’universo, lasciamo andare ciò che prima avevamo la necessità di controllare ad ogni costo, e consentiamo agli eventi di fare il proprio corso. La vita comincia a fluire nel suo divenire, combattiamo per ciò che pensiamo sia giusto, ma non ci ostiniamo più su ciò che non ha alcun senso.
 
Attraversiamo la giovinezza, la maturità e la vecchiaia passando per le gioie e i dolori che ci sono toccati; il risultato della nostra vita dipenderà dal valore e dall’importanza che abbiamo dato a ciò che abbiamo vissuto, a come l’abbiamo vissuto. Impariamo ad avere distacco dagli oggetti materiali, ad apprezzare un tranquillo tramonto con quella strana sensazione di serenità, a momenti del tutto inspiegabile, che pervade interamente ogni poro della nostra pelle. Il sorriso diventa nostro compagno di viaggio, ciò che abbiamo saputo o potuto dire, fare, sognare ci ha fatto diventare ciò che siamo.
 
Ogni età può essere vissuta pienamente, impegnandoci a mantenere mens sana in corpore sano, senza però lasciarci travolgere dai dictat di una società che ci chiede di restare sempre giovani e belli. Per quanto sia il sogno di tutti restarlo, ha dell’incredibile riuscirci. Non sempre sappiamo dove andare, può capitare di sentirci smarriti, ma la maturità ci aiuta a ridurre questi momenti e ad affrontarli trovando la via. Desideriamo la felicità, ma siamo consapevoli che è fatta di sprazzi, che non è durevole e che comunque non si può meritare perché non dipende solo da noi, anche se possiamo fare molto per tendere ad essa.