Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
 
West Coast di Agostino Laudani
il blog sulla Sicilia Occidentale


Tag Palermo Conti

Mar
11
2011
Il Comune batte cassa, nuovamente, a Roma. Non sono bastati i 130 milioni di euro già ricevuti dal Governo nazionale tra il 2006 e il 2008. Non sono bastati nemmeno gli altri 150 milioni di euro di fondi Cipe che sono ancora in fase di trasferimento.
 
Ora il sindaco Diego Cammarata torna alla carica, forse anche perché ha fatto pace con Micciché, e chiede ulteriori 100 milioni di euro al premier Berlusconi. Denaro che servirà a far quadrare i conti del Comune e soprattutto delle società controllate, costosissimi pozzi senza fondo, che inghiottono risorse da distribuire alle montagne di dipendenti di cui sono infarcite.
 
Già in Consiglio comunale si annuncia battaglia: l'Mpa vuole sapere su quali programmi, progetti e obiettivi si basa la richiesta del sindaco, che non ha ancora presentato il preventivo 2011 e si appresta a un rimpasto di Giunta. Ma chissà quando se ne parlerà in Consiglio? All'ordine del giorno, infatti, l'argomento è al 164° posto. Incredibile.
 
Intanto, è evidente che la gestione ordinaria del sindaco Cammarata non è stata sufficiente a rimettere in ordine la situazione delle casse comunali, per cui si vuole attingere a risorse ulteriori. E, quando entrerà in vigore il federalismo municipale, ovvero si dovrà far fronte agli impegni di spesa soprattutto autofinanziandosi con proprie risorse, come farà Cammarata? La risposta non sembra essere proprio dietro l'angolo.