Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
 
West Coast di Agostino Laudani
il blog sulla Sicilia Occidentale


Tag Progetti

Lug
03
2009
Spesso la provincia di Agrigento è stata considerato il territorio delle incompiute.

Fra i progetti più attesi, ma alla fine ancora irrealizzati, c’è senz’altro quello dell’aeroporto, per cui i responsabili dell’Aeroporto Agrigento Valle dei Templi (l’Aavt, la società creata proprio per facilitare la realizzazione della struttura), hanno percepito compensi milionari senza però riuscire a ottenere risposte concrete per la popolazione. La società – principalmente sostenuta dalla Provincia regionale – si appresta a scomparire dopo le scelte drastiche messe in atto dal presidente Eugenio D’Orsi. Ma i dubbi legati alle reali possibilità di veder sorgere l’aerostazione restano ancora molti.

Altro paradosso, quello dalla Strada statale 640. La posa della prima pietra si è svolta in pompa magna - con tanto di presenza del ministro dei Trasporti Altero Matteoli e del ministro agrigentino della Giustizia, Angelino Alfano - nel marzo scorso, ma a distanza di mesi i lavori non sono ancora partiti.
Giu
26
2009
Le casse degli enti locali siciliani languono, ma c’è sempre qualcosa per gli “amici degli amici”, personaggi che gravitano intorno al mondo della politica e molto spesso vengono pagati dalle amministrazioni per progetti di dubbia utilità o addirittura irrealizzati.

I numeri, resi noti dal sito internet del ministero per la Pubblica amministrazione e l’innovazione, parlano di poco meno di 4 milioni di euro in Sicilia nei soli dodici mesi del 2008. Soltanto i consulenti e collaboratori esterni del Comune di Palermo, hanno riscosso una cifra superiore al milione di euro.

Se la somma sembra spropositata, bisogna comunque ricordare che al peggio non c’è mai fine. I 3,8 milioni di euro, infatti, riguardano soltanto i nove Capoluoghi (tra l’altro escludendo Messina, che non ha trasmesso i dati al Ministero retto da Renato Brunetta).

Immaginate i numeri che possono venir fuori – ce ne occuperemo certamente sulle pagine del QdS – analizzando nel dettaglio le cifre relative a tutti gli altri centri siciliani…

A questo punto viene spontaneo chiedersi: e per i servizi, che cosa resta?