Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

E-cologia di Antonio Casa
il blog sull'ambiente e il consumo


Tag Cittadini

Ago
26
2009
Le autorità mediche della Cina centrale hanno trovato piu' di 1.300 casi sospetti di bambini colpiti da avvelenamento da piombo. Si tratta del secondo caso del genere in questo mese. La polizia di Wugang, nella provincia di Hunan, ha fatto chiudere gli impianti della Wugang Manganese Smelting a causa di ''inquinamento ambientale'', ha detto l'agenzia di stampa Xinhua.
 
Il senatore Ignazio Marino, impegnato in questi giorni nella corsa alla segreteria del Pd, chirurgo di fama internazionale e presidente della commissione parlamentare d'inchiesta sul servizio sanitario nazionale, ha commentato la notizia:
 
"E' giusto occuparsene, ma in Italia abbiamo una delle aree più inquinate del mondo: parlo di Gela. Chi pensa a quei bambini, quelle donne e quegli uomini siciliani nel cui sangue sono stati trovati arsenico, rame, piombo, cadmio e mercurio? La concentrazione di arsenico risulta in molti casi 1.600 volte superiore al tasso limite. Dove sono le autorità sanitarie locali che dovrebbero proteggere la salute dei nostri cittadini? Sanità nel Sud non significa solo fornire strutture d'eccellenza; vuol dire offrire servizi di prevenzione. Nel caso di Gela, chi si sta occupando dei cittadini contaminati e chi di quelli che rischiano ancora la vita per la sola colpa di vivere lì?
 
Una risposta ai quesiti di Marino non c'è. A Gela, come nel triangolo Priolo-Melilli-Augusta o a Milazzo, si sanno i valori dell'inquinamento, gli effetti sulla popolazione e chi produce i veleni. Ma nessuno muove un dito per rimuovere tali cause.
 
Chi lo dovrebbe fare, si gira dall'altra parte dopo avere elencato i veleni che contaminano centinaia di migliaia di persone che hanno il torto di vivere in alcune zone sacrificate allo "sviluppo" o che si guadagnano la minestra, mentre le cause producono utili senza soluzione di continuità.