Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

E-cologia di Antonio Casa
il blog sull'ambiente e il consumo


Tag Piste Ciclabili

Set
24
2010
Nonostante la sua orografia, certamente non facile per chi deve affrontarla sotto sforzo fisico, la Sicilia ama la bicicletta. E sforna campioni del calibro di Vincenzo Nibali, fresco vincitore della Vuelta, il corridore su cui la squadra azzurra punta le proprie speranze al mondiale australiano per i professionisti, il 3 ottobre prossimo.
 
Ma, ahinoi, andare in bici nelle città dell'Isola è affare molto difficile (e pericoloso). Se l'estensione delle piste ciclabili quest'anno ha raggiunto la cifra record di 3.227 km (380 km più del 2008) e Padova detiene il primato con 133,2 km di piste ciclabili per chilometro quadrato, in questa classifica le città siciliane si piazzano negli ultimi posti: Palermo ne registra 11,7 km, Agrigento 2 km, Messina ne ha 1,2 km, Ragusa appena 200 metri.

Registrati dati bassi anche per l'indice di ciclabilità: Siracusa (1,13) e Palermo (1,08) sono le uniche città dell'Isola a superare l'1. Più in basso troviamo Ragusa (0,91), Trapani (0,73), Messina (0,62) e Catania (0,22). Le città più ciclabili della Penisola sono Reggio Emilia e Lodi. Assieme a loro hanno registrato buoni risultati anche Modena, Mantova, Vercelli, Cremona e Forlì.
 
Le differenze tra Nord e Sud del Paese si vedono anche in sella a una bicicletta.
 
Mag
07
2010
Domenica prossima, in 1200 comuni italiani - più di 50 in Sicilia, dove hanno aderito alcune Camere di commercio e altri enti - si celebrerà il primo "Bici day", voluto dal ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo. Ottima iniziativa, per tanti e ovvii motivi.
In Sicilia, tuttavia, non è sufficiente volere una bicicletta per pedalare. Mancano le piste ciclabili, più che altrove.
 
Il mese scorso l'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Luigi Gentile, ha firmato il decreto che approva la graduatoria provvisoria dei progetti di piste ciclabili - ammissibili al finanziamento dell’intervento 3.3.2.4 del P.O F.E.S.R 2007 - 2013 - in territorio agrigentino per svariati milioni di euro. Curioso: l'assessore è di Agrigento. Vorremmo capire come mai il resto della Sicilia non è stato coinvolto. 
 
Ma il problema del difficile rapporto tra siciliani, amministrazioni locali e bici non è esclusivamente legato all'assenza materiale delle piste, ma principalmente alla difficoltà di far rispettare la destinazione d'uso di determinati spazi, a volte anche per l'assenza dei fruitori. Costruire nuove piste non sempre vuol dire veder gente in giro in bici: l'estate scorsa a Palermo ci fu una polemica sulla presenza delle piste senza che fossero adeguatamente pubblicizzate dall’amministrazione, mentre a Catania le corsie per le bici vengono spesso improvvisate come parcheggi
 
D'altra parte, tornando al discorso iniziale, è vero che in alcuni luoghi la presenza delle piste latita, se pensiamo che le ciclabili, elencate nel portale piste-ciclabili.com, sono meno di 20 in tutto il territorio siciliano.