Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
WorKnow di Dario Raffaele
il blog sul lavoro, i beni culturali e la pubblica istruzione


Tag Formazione Professionale

Mar
03
2011
L’assessore Centorrino è stato aggredito verbalmente da alcuni lavoratori della Formazione professionale che mercoledì hanno occupato l'assessorato regionale, in via Ausonia. I lavoratori della formazione professionale, senza stipendio da mesi, sono giunti all'esasperazione.
 
La Regione siciliana si era impegnata a recuperare la disponibilità economica necessaria ma si è clamorosamente smentita. Purtroppo il meccanismo “distorto” della formazione professionale è ormai bello e avviato ed è difficile da fermare. La formazione è servita sempre e solo ai formatori.
 
Oggi si può considerare un vero e proprio ammortizzatore sociale, ben lungi dall’essere la panacea per risolvere i problemi dell’occupazione in Sicilia. Due giovani su tre non solo sono senza lavoro, ma non studiano, né fanno formazione. I corsi proposti dalla Regione sino ad oggi si sono dimostrati assolutamente inutili a creare le professionalità cercate nel mercato del lavoro.
 
Ma, se da una parte non si producono professionalità, dall’altra si producono stipendi (anche se oggi arrivano sempre più in ritardo, colpevolmente) e… dipendenti. Nonostante il blocco del personale imposto dal 31 dicembre 2008, in due anni, i dipendenti sono cresciuti inspiegabilmente di 1.000 unità. I 10.000 della formazione costano così ogni anno qualcosa come 200 milioni.
 
Ma, se fino all’anno scorso erano disponibili per il settore 242 milioni, quest’anno in bilancio si può contare solo su 120 milioni. Per la parte restante bisognerà confidare nei fondi europei.
 
Insomma, la formazione sembra essere diventata una bomba ad orologeria pronta ad esplodere. Si avvertono già le prime scintille. All’assessore Centorrino e al presidente Lombardo il compito di disinnescarla.
 
Come? Magari bisognerebbe pensare di staccare la spina al costoso giocattolo, azzerare tutto. Pagare gli stipendi ai formatori e fermare la formazione per uno o due anni. Investire tutto per la riforma e ripartire con una nuova squadra e nuove regole. Scelta coraggiosa e impopolare. Chi vivrà, vedrà.
Ott
15
2009
L'assessore regionale al bilancio prima ne depenna il capitolo di bilancio (194 milioni) per il 2010, lasciando intendere che debba essere finanziata esclusivamente con i fondi europei. Poi ci ripensa e, in seguito alle pressioni dell'assessore al lavoro e dei sindacati, riduce (dimezza?) il taglio pensato. Ancora non è arrivata la comunicazione ufficiale ma l'orientamento sembra quello di venire incontro alle esigenze degli enti.

Intanto il mondo della formazione si è riunito nei giorni scorsi, con in testa due enti di formazione, Forma-Sicilia e Cenfop, per lamentare l'accanimento mediatico contro di loro. "Non tutta la formazione è da buttare, è vero – hanno detto in conferenza stampa – che il 20% è legata a logiche clientelari, ma il restante 80% è virtuosa, dà lavoro ai tanti corsisti che la frequentano". Ci sembra fin troppo generoso l'80% segnalato, anche perché è smentito da tutte le statistiche che ci dicono come l’occupazione non sia affatto aumentata, anzi….

In ogni caso bisogna partire da quel "generoso" 20%, facendo di tutto per azzerarlo. Necessaria una riforma drastica. Necessaria una rivoluzione.
 
Anche a costo di lasciare fermi per un anno i formatori (continuando a pagarli, per carità. Ma pagarli per fare a loro volta formazione e riconvertirsi in materie più in linea con quello che il mercato del lavoro esige). I partecipanti ai corsi di formazione non se ne dorranno. La formazione così com'è non serve a nulla. E' una presa in giro e una perdita di tempo. Ovviamente parliamo sempre di quel 20%...
Ott
08
2009
Si è riaccesa in questi giorni la polemica intorno alla formazione professionale siciliana. L'assessore Di Mauro vorrebbe tagliare i 194 milioni appostati in bilancio per il settore e far confluire per formatori e formandi esclusivamente i fondi europei.

Dall'altra parte arriva la difesa a spada tratta da parte dell'assessore al ramo Luigi Gentile e dei sindacati che rischiano (nonostante le rassicurazioni del "titolare" del Bilancio) di veder toccati i "privilegi" di tutto il personale (circa 7.000 unità) che gravita attorno alla formazione professionale in Sicilia.

Ad oggi la formazione professionale si è dimostrata una rendita vitalizia per queste persone e a nulla è valsa invece per collocare sul mercato i tanti corsisti che in essa fanno affidamento. Questo è il punto. La formazione professionale non guarda al mercato del lavoro ma esclusivamente allo status quo dei formatori. Se c'è un formatore esperto in "tecniche del ricamo" si deve fare un corso di formazione in "tecniche del ricamo".
 
E' giunta l'ora di cambiare questo stato di cose per dare ai tanti partecipanti ai corsi una vera opportunità di lavoro. A poco serve la diaria di 4 euro al giorno prevista per questi corsi. Se è il caso si fermi la formazione per un anno. Si riconvertano le professionalità dei formatori con i soldi stanziati e si riparta l'anno successivo con una formazione professionale proiettata al futuro.
Giu
11
2009
La formazione professionale in Sicilia cucita su misura per i formatori. Corsi lontani dalle reali esigenze delle imprese e del mercato. La Regione punta tutto su parrucchieri, shampisti ed estetisti. E’ questo per l’assessorato regionale alla Formazione il futuro del mercato del lavoro in Sicilia.

I numeri dell’ultimo Piano regionale della formazione (quello del 2008) sono davvero impressionanti: 250 milioni di euro di investimenti, quasi 1500 enti di formazione finanziati per un totale di circa 11 mila unità di personale docente e non docente (tra contratti a tempo indeterminato e precari) interessato da questa mega manovra.

Risultati? Disoccupazione in continua crescita e imprese costrette a chiudere perché non hanno le professionalità necessarie per competere sul mercato.

Per il 2009, dopo i proclami di rinnovamento dell’assessore al ramo Incardona, la storia sembra ripetersi. Ad aprile manca ancora il Piano 2009 (ritirato tra le polemiche dopo che la ragioneria generale e il dirigente generale Monterosso ne hanno denunciato alcune irregolarità).

Le preoccupazioni di tutti sono rivolte al mantenimento dello status quo, ovvero salvaguardare i docenti. E la formazione professionale continua ad essere inutile per i corsisti (50.000 ogni anno), che dovrebbero essere i veri fruitori di un servizio costosissimo per la Regione.