Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Voci dai Palazzi di Lucia Russo
il blog sull'Assemblea regionale siciliana, il governo e la pubblica amministrazione


Tag Cad

Set
11
2014
 Il flop del piano giovani, le spese pazze dei parlamentari indagati dalla Corte dei Conti, lo spreco delle auto blu. Tre casi venuti alla luce grazie all’utilizzo di piattaforme informatiche. Tre casi che dimostrano come la digitalizzazione ha fatto emergere le inefficienze e gli sprechi della nostra amministrazione regionale che, gioco forza, è costretta a correggere i comportamenti di inefficienza e mala amministrazione consolidati negli anni.

Se i sindaci vogliono rivoluzionare il modo di amministrare, basta loro dare priorità alla digitalizzazione.

Qualsiasi ufficio pubblico dovrebbe avere affisso ben visibile a tutti un cartello contenente a caratteri cubitali l’art. 12 del Codice dell’amministrazione digitale: “Norme generali per l'uso delle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni nell'azione amministrativa“, che recita: “ Le pubbliche amministrazioni nell'organizzare  autonomamente la propria attivita' utilizzano le tecnologie dell'informazione e  della comunicazione per la realizzazione degli obiettivi di efficienza, efficacia, economicita', imparzialita', trasparenza, semplificazione e partecipazione ((nel rispetto dei principi di uguaglianza e di  non discriminazione)), nonche' per la garanzia dei diritti dei  cittadini e delle imprese”.

Gen
19
2011
Cosa significherà il nuovo Codice dell'amministrazione digitale per la Sanità pubblica?
L'innovazione digitale è fondamentale per migliorare il rapporto costo‐qualità dei servizi sanitari, limitare sprechi e inefficienze.

Il nuovo Cad prevede i certificati di malattia online, che sono già a buon punto in Sicilia visto che riesce a stare nella media dell'85% dei medici di famiglia abilitati.

Nel futuro sono previste le ricette mediche digitali: da luglio la normativa attribuisce valore legale alla ricetta trasmessa telematicamente, eliminando così di fatto il cartaceo. Attraverso la digitalizzazione del ciclo prescrittivo (medico‐paziente‐farmacie) si stima una riduzione di almeno il 25% della spesa farmaceutica a carico del SSN (equivalente ad un risparmio di circa 5/6 miliardi di euro).

Ma quello che attendiamo da tempo sono le liste di attesa online e la possibilità di prenotare una visita via Internet. Questo non è scritto nel nuovo Cad, ma contiamo sulla capacità dell’assessore Russo di fare in modo che diventi una realtà anche nella nostra Isola.