Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
 
Isola Telematica di Benedetto Motisi
il blog sull'ICT e il Web siciliano


Tag E-ludo

Dic
13
2011
Ho parlato spesso su IT di game development indipendente o "indie" ovvero tutte quelle produzioni a basso costo, artigianali quasi, rispetto alle produzioni ormai hollywoodiane delle grosse case.
 
Con i ragazzi siciliani di E-ludo, fra l'altro, abbiamo potuto vedere come la scena sia florida anche in Sicilia, e come questo settore, ingiustamente bistrattato come "giochini per PC" possa essere una valvola di sfogo creativa, ma soprattutto professionale in un momento di crisi e ristagnazioni che colpisce pesantemente l'Isola.
 
Proprio per questo periodo natalizio volevo proporvi una lista (fonte: IndieVault) di questi "giochini indipendenti", scanzonati, ironici, quasi dissacranti. Insomma, piccole opere di questo secolo tecnologico.  Nei mesi precedenti abbiamo anche visto di cosa sono capaci i nostri amici di E-ludo, con l'estivo Summer Game.
 
Chiudendo con la carrellata di giochi natalizi, la domanda è: perché non supportare un movimento così fresco, libero, creativo e innovativo anche nella nostra Isola? Già, non ve n'è motivo, quindi segnalo inoltre l'evento Global Game Jam che si svolgerà a Catania dal 27 al 29 Gennaio dell'anno nuovo. Gruppi di volenterosi sviluppatori si riuniranno per creare, nella due giorni, un proprio gioco indie.
 
Un laboratorio di creatività videoludica immancabile! E ora... Buon Natale pixelloso:
 
Santa's Deadly Descent: Avete presente quale insidie deve affrontare Babbo Natale calandosi dal caminetto?
 
Johnny Platform Saves Christmas: Un classico platform a sfondo natalizio, ovviamente!
 
Garden Gnome Carnage: Dalla parte del Grinch! Per chi "odia" il Natale!
 
Merry Gear Solid 2: Un omaggio a quel famoso Metal Gear Solid, ma anche qui, in salsa natalizia!
 
Hyper Princess Pitch: Vi ricordate la principessa di Super Mario? Si, anche lei non sopporta il Natale.
Ago
11
2011
Anche se è agosto, lungi da noi pensare che la Sicilia sia solo mare, sole e spiagge incantevoli. Certo, l'Isola è una delle attrazioni balneari estive più forti del Belpaese ma.. c'è qualche stakanovista che ha deciso di insistere sul Web in Sicilia anche in questa stagione!
 
Si tratta dei ragazzi di E-Ludo che, insieme a Reattivamente, hanno realizzato un gioco in flash molto ben fatto, a tema ovviamente estivo ma che non si limita solo ad essere un passatempo fra una foto e l'altra delle vacanze da postare su Facebook.
 
Si tratta di un vero e proprio advergame, ovvero una via di mezzo fra un gioco e un veicolo di marketing, qui concretizzato nella vincita di coupon e buoni sconto direttamente ingame.
 
Ho fatto alcune domande a Salvo Mica, CEO di E-Ludo, a riguardo:
 
1. Come avete pensato al Summer Game?
 
Volevamo sperimentare, creando un prodotto ibrido, che stesse in mezzo a videogame e pubblicità, abbiamo conosciuto un buon partner "Reattiva" che ci ha consentito di farlo mettendo a disposizione le sue competenze in ambito pubblicitario e abbiamo iniziato. Summergame è un prodotto ritagliato sopra, pensato e progettato per i centri commerciali: ci consente di dare visibilità a molti marchi, differenziando e valorizzando i brand più importanti, il tutto in una cornice ludica coerente e unitaria: il prodotto è divertente questo è l'importante!

2. Di che si tratta?
 
E' un advergame, un esperimento innovativo in Italia e in Sicilia: il giocatrore gioca e vince reali coupon che può ritirare nei negozi e centri commerciali aderenti all'iniziativa. E' il futuro: la pubblicità passiva annoia ed in definitiva raggiunge sempre meno spesso i suoi obiettivi. Questo tipo di pubblicità diverte, intrattiene, da qualcosa all'utente senza "pretendere" attenzione.

3. Pensate che la pubblicità e il business online possano essere un volano per l'occupazione in Sicilia?
 
La pubblicità, la comunicazione, il web, il videogame, l'ICT sono possibilità di sviluppo OVUNQUE, La Sicilia potrà goderne solo se le istituzioni vorranno prestare attenzione al nuovo mondo, se le università creeranno corsi appositi, se i siciliani smetteranno di pensare al postofisso-ottenuto-grazie-all-amico-politico, etc... Le possibilità ci sono, serve lavorare sodo e avere le idee chiare. E tanto tanto coraggio.
 
Ringraziando Salvo per la disponibilità, ecco il link alla pagina di Facebook di Summer Game... e ora.. al mouse! (p.s. sempre amato Arkanoid ;) )
 
Mag
23
2011
Diventare sviluppatori professionisti di videogiochi in 150 ore intensive. E’ questo l’obiettivo del primo corso nel suo genere in Sicilia, organizzato da E-Ludo Lab - l’associazione che si sperimenta nel campo della ludologia - in collaborazione con la Facoltà di Informatica dell’Università di Catania. Il corso è aperto a tutti, il termine di scadenza per le iscrizioni è fissato per il 1 giugno.

Professionisti del mondo ICT e navigati sviluppatori siciliani si riuniranno insieme ai partecipanti durante 5 settimane full-time di lezioni frontali ed esercitazioni di laboratorio. Tra le sfide più interessanti per gli studenti del corso sarà la realizzazione di un prototipo di videogame in 3D, lavoro finale per il completamento del percorso formativo. I partecipanti potranno infatti mettere alla prova le conoscenze acquisite in una simulazione di sviluppo industriale, finalizzata alla produzione di una demo vera e propria.

A fine corso i partecipanti potranno continuare la loro esperienza di sviluppo presso aziende specializzate con stage fino a 100 ore; si tratta di realtà imprenditoriali interessate ad eventuali collaborazioni lavorative. La facoltà di Informatica dell’Università di Catania si impegna a riconoscere i tirocini all'interno del percorso formativo dei propri corsi di laurea, insieme a 6 c.f.u per il completamento dello stesso corso intensivo. L’ente ha inoltre stanziato 5 borse di studio per gli studenti più meritevoli.

Per informazioni www.dev-lab.it
Gen
28
2011
Organizzato e promosso da IGDA in tutto il mondo, l’evento Global Game Jam assume sempre maggiore rilevanza in Italia, approdando nel 2011 a Verona, Catania e Genova. Molti sviluppatori professionisti hanno deciso di partecipare alla Jam con l'intenzione di conoscere i giovani talenti italiani nel loro territorio e instaurare con loro relazioni e possibili collaborazioni.
In occasione della terza edizione dell'evento che si terrà dal 28 al 30 gennaio 2011, il capitolo di Catania ha istituito una giuria non formale composta da game developer professionisti. Ad essi l'arduo compito di valutare a fine evento i videogames  sviluppati dagli appassionati partecipanti.
 
Nessun giudizio o premio, né vincitori né vinti; soltanto suggerimenti e critiche costruttive per motivare i ragazzi a continuare il proprio percorso nel mondo del game dev. La giuria sarà composta da una rappresentanza di Age of Games, ovvero il connubio PM Studios + Foofa games, oltre a Drakkar Dev, Naps Team, ed E-Ludo Interactive, casa promotrice della Global Game Jam a Catania.

Dice Fabio Belsanti di Age Of games: “Partecipiamo con Age of Games alla GGJ perché crediamo fermamente nello sviluppo dei videogiochi indipendenti. Nonostante le produzioni dei titoli tripla A costino ormai decine di milioni di euro (o di dollari), Internet, nelle sue molteplici forme, sta creando nuove opportunità per chiunque abbia la passione, il coraggio e la determinazione di lanciarsi nell'Universo del Gaming e della comunicazione interattiva, anche con scarsissime risorse economiche. Age of Games è una realtà indipendente che ambisce a diventare un punto di aggregazione per tutti gli sviluppatori indipendenti italiani. Siamo all'inizio della nostra avventura e cerchiamo agguerriti avventurieri con cui affrontare le dure prove che ci attendono e con cui condividere i bottini che sapremo, insieme, conquistarci!

Il chapter catanese della Global Game Jam non si ferma solo allo sviluppo: il gioco viene preso in esame in tutte le sue evoluzioni sociali e culturali. Aperto al pubblico, l'evento darà spazio a tornei di videogames, giochi da tavolo, gioco di ruolo, retrogaming e cosplay.
Gen
27
2011
Organizzato e promosso da IGDA in tutto il mondo, l’evento Global Game Jam assume sempre maggiore rilevanza in Italia, approdando nel 2011 a Verona, Catania e Genova. Tra le grandi novità di questa terza edizione del 2011 vi è la presenza per la prima volta di Sony Computer Entertainment Italia con il seguito  di uno dei titoli di maggior successo del 2008.

Little Big Planet 2 sarà ospite d’onore al capitolo di Catania della Global Game Jam. Sony Computer Entertainment Italia ha infatti messo a disposizione varie postazioni game attraverso le quali sarà possibile creare due giochi secondo il tema della Jam del 2011, che verranno lanciati online a fine evento. Una grande opportunità per gli sviluppatori meno esperti che potranno creare il proprio livello di Little Big Planet 2 seguendo il tema della Ggj e condividerlo in rete nel nome dello sviluppo indipendente. “La Ggj entra nel mondo PlayStation e il mondo PlayStation entra nel mondo della Jam in un inedito connubio creativo”, dichiara Andrea Cuneo, Direttore Marketing Sony Computer Entertainment Italia, che aggiunge: “Essere presenti a Catania ci permette di incontrare i nostri utenti in un contesto nuovo e dinamico ma al tempo stesso ci dà la possibilità di far conoscere le potenzialità di Sackboy, il celebre protagonista di Little Big Planet che offre la possibilità di creare tutto ciò che si riesce a immaginare”..

Sackboy, il pupazzo di pezza più amato dai videogiocatori torna dopo due anni di successi. Con una comunità che conta centinaia di migliaia di utenti attivi, Little Big Planet ha saputo rivoluzionare l’intrattenimento da salotto con un concetto tutto nuovo: gioca, crea e condividi. Il giocatore ha infatti la possibilità di creare i propri livelli e di condividerli con la comunità in rete, per un’esperienza di gioco ogni giorno unica. Il secondo capitolo del gioco allarga il concetto: non solo livelli, ma interi giochi da poter creare comodamente sul proprio schermo.

Il modo migliore per celebrare la release di gennaio di Little Big Planet 2?  Partecipare alla Jam di sviluppo di videogiochi più grande del mondo!
Quando? Dal 28 al 30 gennaio 2011.
Dove? A Catania, presso il capitolo della GGJ organizzato dall’associazione E-Ludo Lab.

Il chapter catanese della Global Game Jam non si ferma solo allo sviluppo: il gioco viene preso in esame in tutte le sue evoluzioni sociali e culturali. Aperto al pubblico, l'evento darà spazio a tornei di videogames, giochi da tavolo, gioco di ruolo, retrogaming e cosplay.
Gen
03
2011
Dopo il grande successo della passata edizione, che ha incuriosito i media, torna a Catania la Globam Game Jam, l'evento nazionale a cui partecipano gli sviluppatori (programmatori, grafici, animatori, scrittori, designer e musicisti) per realizzare videogiochi completi in una non-stop di 48 ore.
 
L'appuntamento è all'aula D22 della Facoltà di Ingegneria di Catania, la partecipazione gratuita, basterà iscriversi sul sito web della manifestazione entro il 15 Gennaio. Ingresso libero per gli appassionati e i visitatori. A questo proposito, Ambra Bonaiuto, presidente di E-Ludo Lab: "Abbiamo voluto aprire la manifestazione al pubblico proprio per diffondere l'importanza della cultura del videogioco indipendente in tutta la Sicilia. Abbiamo scelto giovani realtà siciliane per realizzare tutte le attività collaterali, che conferiranno valore aggiunto all’evento, proprio per valorizzare il potenziale umano del Sud Italia, con l’intento di sottolineare che anche e soprattutto qui, in  Sicilia, si può fare".

La GGJ sarà seguita da Fabio Belsanti, ideatore e responsabile di Age of Games, il  portale internet di sviluppo ed edizione di videogiochi e contenuti di genere strategico e di ruolo.

Per la prima edizione a "porte aperte" saranno organizzati tornei di videogiochi dando la possibilità ai partecipanti di scegliere tra i titoli più giocati; una specifica sezione verrà dedicata al retrogaming, ovvero ai giochi e alle console che hanno fatto la storia del settore: sarà possibile confrontarsi con vecchi titoli la cui organizzazione sarà affidata a Giovanni Famà di E-Ludo e animata dal gruppo Aldebaran. Verrà inoltre allestita un’area apposita dedicata al gioco da tavolo.

Infine, la kermesse apre al fenomeno cosplay: l'arte di creare costumi e "trasformarsi" e interpretare per una volta i propri beniamini della "pop culture" composta da manga, fumetti, film, videogiochi.  Durante la GGJ, in particolare domenica 30 gennaio, verrà organizzata la sfilata cosplay che sarà curata dall’associazione Palermo in cosplay già organizzatrice di Cospladya, la manifestazione Cosplay più grande della Sicilia.
Dic
06
2010
Lo scorso fine settimana si è svolto a Roma l'IVDC 2010, il primo e unico congresso nazionale degli sviluppatori di videogiochi (game developer) italiani. Il summit ufficiale della Filiera di Produttori di Videogiochi Italiani di Assoknowledge in Confindustria è stato organizzato da AIOMI, l'Associazione Italiana Opere Multimediali Interattive, che promuove la cultura del videogioco in Italia, spesso trattato, ingiustamente, come media minore.
 
La tre giorni di incontri e talk diretta da Marco Accordi Rickards e Raoul Carbone ha visto la partecipazione di istituzioni (Ministero della Gioventù, Presidenza del Consiglio dei Ministri) e protagonisti del settore italiano (Milestone, Black Bean Games, Kalicanthus per citare alcuni nomi). Guest star della giornata conclusiva di lunedì è stato Peter Molyneux, autore di successi quali Populous e Fable.
 
Una finestra importante, che ha dato visibilità e spazio a quanto si muove nel settore indipendente è stato l'IVDC Indie, animato da Salvo Mica della siciliana E-Ludo, e che ha visto l'intervento di molti sviluppatori che, con relativa sorpresa, venivano principalmente dal meridione.
 
Sono intervenuti, fra gli altri, i ragazzi di NextSoft presentando Bacteriovirus, di cui ricordo un'intervista su IT di tempo fa; il duo creativo di Serenata e Drakkar Dev, frutto di "emigranti di ritorno".
 
Gli interventi, ugualmente alla conferenza con i pesi massimi del settore, non hanno mai avuto un taglio di nicchia ma anzi hanno fornito il polso della situazione di una creatività e spirito imprenditoriale italiani che a livello internazionale (citando il caso della milanese Milestone, leader nel segmento di racing game) e indipendente, soprattutto al Sud in quest'ultimo caso, che meritano attenzione crescente essendo un settore dall'altissimo potenziale.
 
Nov
29
2010
Mancano ormai pochi giorni all'inizio della terza edizione dell'IVDC che si terrà a Roma presso la LUISS - Guido Carli il 3/4/6 Dicembre 2010.

Organizzata da AIOMI, l’Associazione Italiana Opere Multimediali Interattive – Movimento per la Cultura del Videogioco, all’interno dell’Aula Magna della LUISS di Roma, è un evento totalmente gratuito. Si tratta di uno spazio dedicato al game development italiano e internazionale che fungerà da punto d’incontro e di scambio di conoscenze, strumenti e tecniche tra le più importanti figure professionali del settore e chi aspira a entrare nel mondo del lavoro.

Agli interventi di esperti del settore videoludico nazionale e internazionale si affiancheranno nuove iniziative parallele per conferire valore aggiunto all'evento, come IVDC DIGITAL - IVDC PLAY (Technotown di Villa Torlonia) - IVDC INDIE (sezione dedicata agli sviluppatori indipendenti italiani).
 
Proprio i ragazzi di E-Ludo si occuperanno di IVDC INDIE: online il programma ufficiale della manifestazione.
Nov
22
2010
Dopo il grandissimo successo della scorsa edizione, E-Ludo ripropone Catania come il maggiore polo di sviluppo videoludico indipendente nel Mediterraneo. La manifestazione consentirà agli sviluppatori indipendenti e non del Centro-Sud Italia di riunirsi per una no-stop di 48 ore con uno scopo ben preciso: sviluppare un videogioco.

Nel 2011 l'evento cambierà veste: verrà aperto da una conferenza sul videogioco come medium culturale e realtà industriale con ospiti del settore di rilievo nazionale. Seguirà una tavola rotonda sullo sviluppo indie, con la partecipazione degli sviluppatori indipendenti intervenuti alla Jam.
 
A differenza della passata edizione, l’evento sarà aperto al pubblico che potrà visitare gli stand delle aziende espositrici e cimentarsi in una serie di avvincenti tornei video ludici tematici.

Per info: globalgamejamct@e-ludo.it