Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
L'editoriale del Direttore di Carlo Alberto Tregua
 


Tag Raffaele Fitto

Apr
13
2011
Giovedì 7 aprile è approdato in Sicilia il commissario per le Politiche regionali Johannes Hahn che, alla presenza del ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, ha bacchettato pesantemente Lombardo e il suo Governo perchè non spendono i fondi europei. Hahn ha dato un ultimo avvertimento: se non spendete 900 mln di euro nei prossimi otto mesi, cioè entro il 31 dicembre, cancelleremo tali risorse a favore della Sicilia.
C’è da vergognarsi, in una terra che ha bisogno di infrastrutture come l’aria che si respira, sentirsi redarguire in modo così pesante. Emerge tutta la responsabilità del Governo regionale, di tutto il ceto politico e dei dirigenti generali passati e presenti, colpevoli di ignavia, incompetenza e incapacità e forse anche di corruzione. Non si spiega in altro modo come sia possibile prolungare l’agonia economica della Sicilia quando i soldi ci sono e, per spenderli, basta attivare le procedure ed emettere i provvedimenti.

L’assessore all’Economia, Gaetano Armao, validissimo avvocato ma non altrettanto economista, continua a puntare il dito contro il federalismo fiscale che sarebbe un guaio per la Sicilia, argomentando le solite banalità in ordine alla carenza delle infrastrutture, al basso reddito pro capite ed al basso Pil rispetto al Nord.
Lo ringraziamo per questi dati che riteniamo abbia letto in questi ultimi trent’anni sul QdS, ma dobbiamo dolerci per il fatto che egli non sia conseguente. Infatti, non abbiamo visto nessun licenziamento in tronco di dirigenti regionali che non hanno speso. Quelli che sono stati allontanati percepiscono regolarmente lo stipendio, nonostante il danno che hanno fatto. Anzi, qualcuno di essi va in pensione a 51 anni, una vergogna tutta siciliana.
Armao non ha impedito il sacco delle ultime risorse siciliane regionali attraverso l’assunzione inutile e indiscriminata di 5 mila dipendenti quasi analfabeti (infatti il titolo di studio richiesto è la terza media) e non dice nulla sul fatto che i dirigenti in modo tracotante hanno il coraggio incivile di chiedere nuovo personale. L’assessore all’Economia ha le sue gatte da pelare, entro il 30 aprile deve farsi approvare dall’Ars il Bilancio 2011.
 
I quattro mesi di ritardo del bilancio hanno asfissiato l’economia siciliana. Chiediamo all’assessore Armao per quale motivo non abbia messo in mora i 390 sindaci chiedendo loro entro il 31 dicembre 2010 i rispettivi parchi progetto per le infrastrutture, di cui abbisognano le singole amministrazioni locali. Gli chiediamo ancora perchè non tagli gli sprechi che pubblichiamo quasi tutti i giorni su questo foglio e che ammontano a 3,4 miliardi. Gli chiediamo perchè non metta sotto torchio i quattro direttori generali dei relativi centri di spesa Ue (Programmazione, Formazione, Agricoltura e Pesca).
Ulteriore domanda: perchè non trasferisce a Sicilia e-servizi Spa personale regionale in esubero anziché farne assumere 250 ex novo? Ora è nelle sue mani la l.r. 5/2011 sulla trasparenza: sta a lui attuarla con immediatezza, tagliando lacci e lacciuoli a una burocrazia incapace di onorare il suo compito.
In questa opera di bonifica, Armao dovrebbe inserire l’abolizione di qualunque compenso per i consiglieri di amministrazione delle partecipate, l’obbligo di redigere il Piano aziendale per ogni branca dell’amministrazione regionale e locale e l’obbligo di far certificare i bilanci da parte di società iscritte alla Consob.

Lamentarsi che il Pil della Sicilia è da 40 anni fermo al 5,6% di quello nazionale è semplicemente inutile, mentre è indispensabile tracciare un percorso attraverso cui farlo aumentare. Per far questo bisogna che il detto percorso sia virtuoso, col taglio della spesa corrente, clientelare, senza guardare in faccia a nessuno. Si libererebbero in tal modo risorse finanziarie con le quali cofinanziare i fondi Ue da spendere subito in cantieri aperti in tutta la Sicilia.
Nei prossimi giorni pubblicheremo un’inchiesta su tutte le più importanti infrastrutture da costruire, ora e subito, per le quali occorrono circa dieci miliardi di euro. Il bello della questione è che i dieci miliardi li abbiamo! Solo che gli inetti (politici e burocrati) li tengono in naftalina. Un vero crimine economico.