Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
 
Pirandellog di Diomede
il blog su libri, tendenze letterarie e dintorni


Tag Andrea Vitali

Apr
26
2010
Lo scrittore descrive la vita di un paese situato nelle vicinanze del lago di Como, Bellano, in un particolare momento in cui due vicende di vita comune si intrecciano. Le protagoniste di questi due avvenimenti sono due donne, due misteri da risolvere.
 
Tutto ha inizio in una di quelle estati torride dove il caldo non da la possibilità quasi di respirare, facendo apparire le cose diverse da come sono in realtà. Bellano è abitato da personaggi che ci vengono descritti, con uno stile scorrevole per certi versi intrigante, come figure un po' grottesche, che vivono le loro vite in funzione delle stagioni che passano unico metro che misura il trascorrere del tempo.
 
La prima delle due vicende riguarda il maresciallo maggiore dei carabinieri Ernesto Maccadò che cerca di tirare fuori dai guai l'amico, segretario provinciale del partito,  il quale vuole avere ad ogni costo informazioni dettagliate su una donna, tale Velia Berilli, formalmente incensurata, ma le cui imprese risultano ben note a tutto il paese. Infatti, la Berilli aveva esercitato per moltissimo tempo il mestiere più vecchio del mondo.
 
La protagonista della seconda vicenda è una donna anziana, che ad un certo punto sparisce dal Pio ospizio San Generoso  di Gravedona. L'anziana donna decide di andare alla ricerca del vecchio parrocco del paese: don Carlo Gheratti. Maria Dominici, così si chiamava la donna, vuole conoscere la verita su suo figlio, che le venne strappato con l'inganno alla nascita, dal parrocco per cui aveva prestato servizio come perpetua. Ma alla fine sparisce nel nulla... 
 
A.G.