Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
 
Pirandellog di Diomede
il blog su libri, tendenze letterarie e dintorni


Tag Gene Wolfe

Mar
14
2011
La spada del littore è il terzo romanzo del "Ciclo del Nuovo Sole" dello scrittore americano Gene Wolfe. Esso rappresenta nel ciclo, forse il punto più vicino alle caratteristiche del classico fantasy. Le visioni oniriche del protagonista, Severian, sono più diluite durante il viaggio che da Thrax, città dove svolge la professione del littore, in pratica dell'esecutore del potere giudiziario, ai boschi del nord.
 
In fuga per un errore che si era ripetuto nel passato, Severian viene in contatto con entità sovradimensionali, ritrova vecchi nemici e amici e inizia a capire, insieme al lettore, qualcosa di più del lungo viaggio che sta affrontando. Quando poi tutto sembra essere perduto, o risolto, l'autore riesce sempre a dare una decisa svolta alla trama, mai banale e soprattutto credibile quando muove i personaggi.
 
B.M.
Nov
08
2010
L'ombra del torturatore è il primo libro del Ciclo del Nuove Sole, grandiosa epopea che ha reso noto anche al grande pubblico  l'americano Gene Wolfe. La storia ha il suo inizio in un lontanissimo e desolato futuro, che si intreccia con un passato dal sapore medievale.
 
Severian, il protagonista, è un apprendista artigiano, termine che i Torturatori utilizzano per definire loro stessi. Il giovane odia e ama allo stesso tempo la propria casta, ma non per via delle atrocità inflitte ai "clienti", bensì perché vede la Torre di Matachin, quartier generale dei Torturatori, come una casa e al tempo stesso una prigione anche per gli artigiani stessi.
 
Infatti, i loro mantelli color fuliggine sono segno di sventura per la gente comune che disprezza i carnefici. Ma una serie di eventi, innescati quando Severian ha compassione per una condannata, la castellana Thecla di cui si innamora, lo portano in esilio. Il giovane, che aveva sempre vissuto all'ombra della propria gilda, si trova catapultato fra la gente che lo tema e lo detesta al tempo stesso.
 
Terminus Est, la spada donatagli dal proprio Maestro, è la sua unica compagna e la causa di gran parte delle sventure che Severian incontra durante il proprio cammino in questo primo libro.
 
L'ombra del torturatore è un'opera particolarissima che mette in piena luce lo stile di Wolfe, ricco di dettagli, figure retoriche e allusioni oniriche che hanno ispirato almeno un'intera generazione di scrittori. Marchio dell'autore poi, lo strumento letterario del narratore inaffidabile, in questo caso Severian, che narra gli eventi in prima persona. Una perla del genere.
 
B.M.