Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Le vostre denunce

Autore:giovanni di mare
Email:giod@hotmail.itimare 
Categoria:Pubblica amministrazione
Destinatario:la pubblica amministrazione regionale, il comune di Palermo, la provincia di Palermo
Oggetto:Ignorando la cultura si spengono le voci liriche della sicilia 

voglio denunciare quanto accade all'accademia Lirica del
mediterraneo di palermo, centro di eccellenza della didattica
del canto lirico in sicilia diretta dal Maestro Pietro Ballo, tenore
di Fama internazionale:
La Sicilia Perderà un centro di eccellenza della lirica
internazionale
Partono da Palermo le più gettonate voci del panorama lirico
internazionale, ed a sfornarli è uno dei più grandi tenori degli
ultimi trentÂ’anni, Pietro Ballo il tenore Siciliano di Palermo, che
negli ultimi quattro anni si è dedicato anima e corpo ai giovani
creando LÂ’accademia Lirica del Mediterraneo. IL tenore di
fama internazionale made in Sicilia, è una delle Bandiere della
Sicilianità nel mondo, con la sua voce ha portato il nome della
Sicilia in ogni angolo del mondo. Oggi grazie a lui giungono a
Palermo cantanti Lirici da tutto il mondo , per farsi ascoltare e
per studiare presso la sua scuola. LÂ’idea originaria del
maestro Ballo era quella di costruire un ponte culturale per la
lirica, accorciando le distanze con il nord, centro propulsore
della lirica, e facendo si che le nuove menti di artisti, o meglio,
le nuove voci della Sicilia non siano costrette ad emigrare e a
fuggire dalla Sicilia. Sebbene avrebbe potuto aprire la sua
accademia a Milano o anche in America dove è venerato come
un Dio, egli ha condotto un percorso al contrario, dopo essersi
formato allÂ’accademia della Scala di Milano, e dopo aver
raccolto allori in tutto il mondo, egli ha deciso di mettere le
radici del suo centro culturale che è L’accademia lirica del
Mediterraneo, proprio nella sua città natale Palermo. Sebbene
egli sia un icona della Sicilia e di Palermo, sebbene egli sia
anche una ricchezza per la città di Palermo poiché attrae
miriadi di giovani cantanti lirici da tutto il mondo, le
amministrazioni comunale, regionale e provinciale (lÂ’unica che
da un piccolo contributo), continuano ad ignorare le sue fatiche
ed il suo valore. Per lÂ’estate 2009 le amministrazioni hanno
ignorato i progetti di spettacoli proposti dal maestro Ballo,
destinati allÂ’avviamento al canto lirico dei nostri giovani usignoli
Siciliani. Rischia pertanto di chiudere o peggio ancora di
traslocare presso qualche altra città, il fiore all’occhiello di
Palermo, una scuola di canto lirico di livello internazionale,
nella quale insegnano maestri come lo stesso Pietro Ballo, ed
altri nomi internazionali che egli attrae come il maestro Leone
Magiera. La città di Palermo e la Sicilia rischiano di perdere
questo grande centro di eccellenza della lirica, e soprattutto i
nostri giovani, già molto disagiati per le cattive prospettive che
offre il nostro territorio, rischiano di perdere questa opportunità
unica, di avere a casa propria o a due passi da casa il top della
didattica del canto lirico. Proprio dopo che già l’accademia
lirica cominciava a raccogliere i primi risultati concreti: decorata
infatti da innumerevoli riconoscimenti internazionali che la
accreditano come una delle migliori scuole di canto di Europa,
ha già inserito nel panorama lirico internazionale i primi
usignoli siciliani, figli della nostra terra, come il tenore Giorgio
Caruso ed il basso Rosolino Galioto, non che la figlia del
maestro Ballo, Lidia Ballo, che spopolano in Germania ed in
Svizzera. Come vedete siamo sempre allÂ’anno zero per la
cultura, facciamo passi da gigante, facciamo di tutto per
perdere le nostre eccellenze.
Denuncia inviata il 18 luglio 2009