Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Le vostre denunce

Autore:Giovanni Puleo
Email:jp@ngweb.it 
Categoria:Fisco
Destinatario:Governo Italiano
Oggetto:Una ingiustizia che tutti sanno e nessuno affronta 

Il personaggio principale è un artigiano (io), I suoi clienti sono al
99 % Enti Pubblici.
Come si sa gli Enti pubblici sono in crisi e non lo pagano, lui emette
fatture e loro non lo pagano.
Poi arriva, normalmente a luglio, un' altro personaggio chiamato
“Stato” che fa finta di niente ..... vuole pagate le tasse, come se
tutto è andato a buon fine.
La storia finisce che l'artigiano per poter pagare le tasse, di somme
mai percepite dallo stesso “stato” è costretto a levare il pane di
bocca ai suoi figli.
Bisogna aggiungere che la storia si svolge al Sud con tutte le nostre
disgrazie ed il quadro è completo.
Ma è possibile che questa “gente” che sta al parlamento, non è capace
di capire che questa è una ingiustizia, che in questo periodo di crisi
distrugge posti di lavoro.
Cosa bisogna fare per farsi sentire da questi, una azione eclatante e
perchè no di violenza, per capire che se uno non ha percepito dallo
stato non deve dare niente allo Stato.
Penso che dobbiamo ribellarci.
Denuncia inviata il 11 luglio 2011