Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Le vostre denunce

Autore:Claudia Ferrara
Email:mariaclaudiaferrara@libero.it 
Categoria:Lavoro
Destinatario:Governo-Istituzioni
Oggetto:Sospensione tirocini Mae-Crui 

Vi srivo per portare alla Vostra attenzione una questione che sta
attanagliando più di 500 neo laureati italiani.

Noi siamo vincitori di un bando pubblico MAE-CRUI uscito il 16 aprile
2012 e chiuso il 4 maggio 2012; gli esiti del bando, e dunque i vincitori,
sono stati comunicati il 25 giugno, dopo pochi giorni una misera mail ci
avvertiva del fatto che la riforma fornero sugli stage sospendeva il
nostro.

Spero di essere da voi contattata al 327 7873925 per dare risonanza
alla questione come è stato già fatto da altre testate.

grazie anticipatamente

Maria claudia Ferrara

P.S. di seguito è riportata la Mail da me inviata alle Istituzioni


----Messaggio originale----
Da: mariaclaudiaferrara@libero.it
Data: 5-lug-2012 16.46
A: ,
,
, ,
, ,
,
,

Ogg: URGENTE - SOSPENSIONE TIROCINI MAE

Signor Presidente della Repubblica e Signori Ministri,

prima di renderVi edotti in merito alle ragioni che mi inducono a scrivere
la presente, ritengo opportuno e doveroso presentarmi.

Sono Maria Claudia Ferrara, ho venticinque anni, sono nata e vivo a
Palermo. Lo scorso aprile ho conseguito la laurea magistrale in
giurisprudenza con la votazione di 110/110 con lode, adesso svolgo la
pratica forense.

Desidero sottoporre alla Vostra attenzione una questione che al
momento sta destando scalpore, rammarico, senso di ingiustizia,
tristezza e rabbia ad oltre 500 neo laureati italiani.

NellÂ’aprile del corrente anno la fondazione MAE-CRUI ha, come di
consueto fa ormai da più di dieci anni, pubblicato il bando per la
selezione di giovani e meritevoli neo laureati al fine di effettuare tirocini
presso la Farnesina a Roma e le diverse sedi diplomatiche, ambasciate
e consolati dislocati in tutto il mondo.

Tra il 25 e il 26 giugno, dopo circa due mesi di attesa, sono stati
comunicati gli esisti del suddetto bando e contattati i vincitori. Io ero tra
questi ultimi.

Spiegare la gioia provata dall’avere ricevuto questa notizia è impresa
ardua, se non anche impossibile. Hai un obiettivo, alias quello della
laurea, ti impegni con tutte le tue forze per conseguirlo con il massimo
del risultato e ci riesci; subito dopo ti poni un altro traguardo, id est
effettuare uno stage al MAE, ed incredibilmente riesci anche in questoÂ…
Ti sembra quasi come sognare ad occhi aperti, quasi come se davvero
esistesse una giustizia divina che ripaga i sacrifici e le nottate di studio,
che ripaga il sudore e le rinunce. Io, figlia orgogliosa di gente normale,
prima laureata della famiglia, speranzosa e fiduciosa nel futuro e nella
mia Patria, io che ho studiato e lavorato, io che ho vinto il bando MAE!

Ma si saÂ…i sogni sono effimeri, durano il tempo di una notte e poi sono
destinati a cadere nell’oblio al risveglio…e così è stato.

Dopo qualche giorno tutti i vincitori sono stati contattati con una, oserei
dire misera mail, che riporto integralmente:

Gentili studenti/laureati,

in data odierna la Fondazione CRUI MAE ha diramato disposizioni urgenti
da parte dellÂ’Istituto Diplomatico in merito ai tirocini del bando MAE del
16/04/2012.

Tale comunicazione fa riferimento alle nuove disposizioni in materia di
tirocini approvate in questo ultimo periodo dal Parlamento, nel quadro
della riforma del mercato del lavoro, della necessità di acquisire
chiarimenti interpretativi presso le istanze competenti in materia e della
previsione della stipula da parte di Governo e Regioni di un accordo
sulle linee guida sui tirocini, al fine di comunicare con la massima
cortese urgenza agli Atenei di appartenenza dei vincitori dellÂ’ultima
selezione MAE-CRUI e ai vincitori stessi che abbiano accettato che lo
svolgimento del tirocinio non può al momento essere confermato da
parte del CRUI e dell'Istituto Diplomatico.

Pertanto i vincitori dovranno astenersi dal prendere iniziative
organizzative in merito (come ad es. contattare la Sede di
assegnazione, sostenere spese a qualsiasi titolo connesse con il
tirocinio, prenotare voli, alloggi e simili, richiedere visti di ingresso ecc.)
fino ad ulteriori indicazioni che la CRUI ha fatto riserva di fornire nei
prossimi giorni.

Cordiali saluti



La sopra citata mail, ha inondato tutti noi di panico e angoscia.

Immediata la ricerca del testo di legge sulla riforma dei tirocini e degli
stage al vaglio del Parlamento, chiara subito la ragione della
sospensione.

I tirocinanti laureati devono percepire un’equa indennità, il MAE non ha il
capitale per sopportare una tale spesa. I vincitori, al contempo, però,
non riescono a capire le ragioni della loro esclusione: è caos nei social
network.

Posto che, personalmente ritengo giusto che gli stagisti vadano retribuiti,
non mi/ci è chiaro perché noi non dovremmo effettuare il tirocinio per un
bando pubblico che abbiamo vinto, per il quale abbiamo accumulato titoli
su titoli, e nel quale abbiamo creduto.

Essendomi laureata in giurisprudenza, conosco le regole circa la
retroattività delle leggi, ma mi domando perché noi dovremmo essere
coinvolti da questa riforma se al momento della partecipazione al
concorso eravamo consapevoli che non avremmo avuto alcuna
retribuzione!

Io per esempio per effettuare questo stage, ho rinunciato a farne uno al
MEF e ad un master in criminologia per il quale sono già chiuse le
iscrizioni, altri ragazzi hanno lasciato il lavoro, altri hanno già acquistato
biglietti aerei e dato caparre per la casa, e c’è chi , come me, mette soldi
da parte da anni per poter sostenere queste spese.

Inoltre, mi domando: se lo Stato è il primo ente che si tira indietro dopo
una riforma del genere, allora le imprese e le aziende private si
sentiranno legittimate ad operare nel medesimo modo!

Ci avete chiesto di studiare, e lÂ’abbiamo fatto, ci avete chiesto di
laurearci in regola e lÂ’abbiamo fatto, ci avete chiesto di conoscere le
lingue e lÂ’informatica e abbiamo fatto anche questo, ci avete chiesto di
restare in Italia e non andare all’estero…ebbene noi siamo rimasti! Più di
500 giovani italiani, tra i più referenziati. E voi è così che ci ripagate?!
Impedendoci di effettuare uno stage pubblico del quale siamo vincitori?

Cordiali saluti,

Maria Claudia Ferrara
Denuncia inviata il 06 luglio 2012